Avvenire di Calabria

L'esponente del Partito Democratico spiega la ricetta per far rinascere la frazione reggina

«Archi rinascerà come polo socio-sportivo»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Antonio Castorina* - Finalmente dopo anni di buio e di abbandono totale ,il rione di Archi acquista un nuovo volto grazie agli interventi realizzati dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Falcomatà. Cultura, sport e spazi riservati all’associazionismo, sono gli aspetti su cui l’Amministrazione Comunale ha maggiormente puntato e che contribuiranno a dare, ai tanti giovani che vivono in questo quartiere, la possibilità di riunirsi, organizzare attività culturali e sportive oltre ad affermare nuove e positive dinamiche sociali e di gruppo in un quartiere che, nell’immaginario collettivo, viene identificato come un covo di ‘ndrangheta e malaffare anche se la maggioranza dei residenti sono persone oneste, credono nello Stato di diritto e rispettano le sue regole. Gli impegni assunti dall’Amministrazione Comunale nei confronti del quartiere - conseguenti anche ad una campagna di ascolto che ha visto coinvolti, assieme alla mia persona, molti giovani che hanno capito il grande valore sociale ed educativo della diffusione di società sportive, culturali e di volontariato - denotano chiaramente che l’obiettivo politico del Governo cittadino è mirato a rendere la città più grande e più aggregata attraverso il coinvolgimento delle periferie urbane. Nel recente passato le zone periferiche sono state viste e considerate come un’appendice rispetto alla città, mentre con il miglioramento della mobilità, della realizzazione di servizi e di importanti impianti sportivi che la Giunta Falcomatà ha distribuito su tutto il territorio comunale, le periferie sono destinate a diventare parte integrante della crescita complessiva di quella che deve essere nei fatti la città Metropolitana di Reggio Calabria. Archi, che nel contesto urbano è sicuramente uno dei più popolosi quanto problematici quartieri, oramai fa parte integrante dell’agenda politica dell’Amministrazione Comunale, e l’esigenza di dedicare attenzione alle istanze che si levano dal mondo giovanile e dall’associazionismo, sono dirette a incentivare e valorizzare le iniziative dei giovani residenti per trasformarli in autentici protagonisti del futuro del quartiere. Il mio impegno politico è stato dedicato a realizzare, nel quartiere, importanti strutture sportive e l’Amministrazione Comunale, nel corso di soli due anni di mandato, è riuscita a realizzare più servizi di quanto le Amministrazioni Comunali precedenti ne hanno realizzato in parecchi di anni. Se agli interventi nel settore sportivo aggiungiamo il completamento dei lavori del Fortino di Pentimele, zona a ridosso del quartiere che ha riconsegnato alla città un luogo che riveste una grande importanza storica e culturale, i cittadini potranno facilmente comprendere e apprezzare l’attenzione che l’Amministrazione Comunale ha riversato su Archi. Con la sistemazione del fortino è stata rivalutata una zona che sarà sicuramente destinata a essere frequentata dai reggini e dai turisti poichè da quella posizione si possono anche ammirare gli incantevoli scenari dello Stretto. Con le somme del Decreto Reggio in questo quartiere è stato sistemato il campo sportivo, e la sua inaugurazione, avvenuta qualche settima addietro, adesso rappresenta una realtà e un punto di riferimento importante per i tanti ragazzi che sono animati dal desiderio e dalla passione di seguire questa disciplina sportiva molto diffusa. Investire nello sport è un obiettivo cui l’Amministrazione Comunale ha inteso maggiormente puntare poiché le regole che bisogna rispettare in una qualsivoglia disciplina sportiva servono a trasmettere e inculcare nella mente dei ragazzi la cultura della legalità, della democrazia e della solidarietà. Il campo di calcio di Archi, che si aggiunge a un’ altra struttura sportiva presente nelle vicinanze, il Palapentimele e agli interventi previsti da ben 8 milioni di euro destinati a trasformare la zona dell’ex Fiera nella costruzione di un centro sportivo polivalente, danno la dimensione concreta e evidente del lavoro e dell’attenzione che l’Amministrazione Comunale ha destinato su questo importante e popoloso quartiere della periferia nord della città. Quanto prima, nella zona di Archi, inizieranno i lavori relativi al rifacimento del manto stradale, un piano di intervento che darà al quartiere un aspetto sicuramente più accogliente e il degrado piano piano sarà destinato a cedere il passo ad una conformazione urbanistica pensata a trasformare questo quartiere dormitorio in un centro pulsante di attività culturali e sportive.

*Consigliere metropolitano delegato al Bilancio ed ai Fondi Comunitari
Delegato allo Sport del Coordinamento Nazionale di Anci Giovani

Articoli Correlati

Le suore di Archi al servizio degli ultimi

Le suore di Archi al servizio degli ultimi

Abbiamo trascorso con loro (e coi volontari) una mattinata nel Centro d’Ascolto intitolato a don Italo Calabrò. Suor Lucia, Angela e Silvia ci conducono all’interno della mensa dei poveri ad Archi.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.