Avvenire di Calabria

Le donne e gli uomini della montagna sono critici nei confronti del presidente dell'Ente Parco, Leo Autelitano

Aspromonte, le guide mettono sotto accusa l’Ente Parco

Scrivono: «negli ultimi 8 mesi l’Ente Parco nazionale dell’Aspromonte non ha risposto a nessuna comunicazione»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Aspromonte, le guide mettono sotto accusa l'Ente Parco. Le donne e gli uomini della montagna sono critici nei confronti del presidente Autelitano. Secondo l'agenzia Dire, «negli ultimi 8 mesi l’Ente Parco nazionale dell’Aspromonte non ha risposto a nessuna comunicazione».

Aspromonte, le guide mettono sotto accusa l'Ente Parco

“Vogliamo un Ente Parco all’altezza delle nostre aspettative che sono alte, viste anche le grandi attenzioni scientifiche e mediatiche positive conquistate in questi ultimi anni. Il Parco dell’Aspromonte sta attraversando una fase molto delicata della sua esistenza. Gli incendi di questa stagione sono stati forse i più devastanti della sua storia recente ed oggi tutti parlano del Parco. Molti che non hanno mai saputo nulla dell’Aspromonte e dell’Ente Parco, ora cercano di dirci cosa è meglio per tutti”.

Così l’associazione Guide ufficiali del Parco d’Aspromonte in un post su Facebook che aggiungono: “Noi il Parco nazionale dell’Aspromonte lo abbiamo vissuto dal primo minuto, abbiamo visto passare idee, persone e politiche molto diverse tra loro e adesso siamo qui a raccontarvi una parte della nostra esperienza con l’Ente Parco negli anni. Una storia fatta di incontri e scontri e mai totalmente positiva, ma sempre cercando il dialogo, almeno fino ad ora”.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


“In questo difficile presente – scrivono – ci aspettiamo che l’Ente Parco sia in grado di dare risposte alle popolazioni locali, alle aziende, alle guide. Vorremmo che sappia proteggere i servizi eco-sistemici di cui tutti abbiamo necessità e che sappia promuovere questa terra come merita, rendendo orgogliosi i suoi operatori e i suoi abitanti. Se l’Ente Parco non funziona, quindi, è un problema di tutti. Pertanto – sottolineano – riteniamo che sia arrivato il momento, dopo quasi 2 anni dall’insediamento della nuova presidenza, di tirare le somme e capire se la direzione intrapresa sia davvero convincente. Forse giova anche ricordare chi sono le guide: aziende, tour operator, strutture ricettive, rifugi, professionisti, naturalisti, tecnici, educatori. Economie delle aree interne che contribuiscono al sostegno socio-economico della montagna”.


PER APPROFONDIRE: Incendi in Calabria, l’esperto avverte: «Dopo il fuoco, attenzione ai corsi d’acqua»


“Le guide – evidenziano – non sono dipendenti dell’Ente Parco, che ne ha solo curato l’attenta selezione e la formazione. Alla nostra associazione sono iscritte 30 su 38 guide ufficiali del Parco nazionale dell’Aspromonte. Noi per primi comprendiamo come l’Ente Parco possa e debba essere un riferimento per la conservazione, ma anche per il tessuto socio-economico del territorio aspromontano. La situazione, però, è cambiata – concludono – e negli ultimi 8 mesi l’Ente Parco nazionale dell’Aspromonte non ha risposto a nessuna comunicazione da noi inviatagli, né si è rapportato in alcun modo con l’associazione delle guide ufficiali”.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.