Avvenire di Calabria

È accaduto nella periferia cittadina nella notte tra l'11 e il 12 marzo

Bocale, incendiata l’automobile del parroco: danneggiata la chiesa

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella notte tra sabato 11 e domenica 12 marzo ignoti hanno incendiato l’automobile di proprietà di don Giuseppe Cosa, parroco di Bocale nel reggino. Dopo la deflagrazione è stato il sacerdote ad attivare il pronto intervento dei soccorritori. Sgomento e incredulità hanno colpito la comunità della parrocchia “Santi Cosma e Damiano” nella periferia sud di Reggio Calabria: da subito i parrocchiani, unitamente alla locale caserma dei Carabinieri, guidata dal Comandante Salvatore Piazza, si sono recati per esprimere vicinanza al sacerdote. Sull’accaduto i militari dell’Arma non escludono alcuna pista. Il fatto di per sé grave poteva assumere i profili di una vera e propria tragedia essendo l’autovettura rifornita a Gpl. L’esplosione ha fatto sobbalzare l’auto in avanti provocando ingenti danneggiamenti alla facciata laterale della chiesa.
Don Giuseppe è assistente diocesano degli Scout d’Europa e Vicario Foraneo della zona pastorale di Pellaro. Dopo le formalità di rito, il sacerdote ha celebrato la Santa Messa domenicale. La comunità diocesana e parrocchiale si stringe a don Giuseppe Cosa in questo momento di rammarico e forte tensione emotiva.

Articoli Correlati

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.