Avvenire di Calabria

Entra nel vivo la seconda fase del cammino percorso dalle comunità ecclesiali reggine-bovesi

Cammino sinodale, i primi incontri zonali del 2023

Al centro di molti degli incontri il concetto di corresponsabilità come integrale alla vita della Chiesa

di Francesco Creazzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I primi incontri zonali del 2023, ecco quanto si è svolto mercoledì scorso. Anche la seconda fase del Sinodo della Chiesa reggina è ormai matura. Stiamo parlando della megatappa in cui si medita insieme sull’identità cristiana ma anche sull’incontro con gli altri e con il mondo. Gli incontri zonali della seconda fase del cammino sinodale diocesano, si svolgono in contemporanea in tutte le foranie della diocesi e anche mercoledì, il primo appuntamento dell’anno solare, non ha fatto eccezione.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Cammino sinodale è accoglienza e corresponsabilità

Le meditazioni sono tenute da alcuni testimoni scelti dall’arcivescovo tra diaconi, consacrati, laici e sacerdoti come don Stefano Ripepi che ha tenuto la lectio nella parrocchia di Santa Maria regina della Pace a San Leo di Pellaro. Due i temi al centro della riflessione di don Ripepi: accoglienza e corresponsabilità. «Accoglienza - ha spiegato all’Avvenire di Calabria il presbitero - intesa guardando in particolare all’Eucarestia come spazio in cui si accoglie Cristo per accogliere l’altro, ma anche come responsabilità sia verso le persone che sono all’interno delle nostre comunità e che quindi che devono accogliersi reciprocamente, ma anche nei confronti di chi proviene dall’esterno».

La Chiesa, una casa per tutti

Di temi correlati ha parlato anche monsignor Salvatore Santoro nella parrocchia di Santa Lucia dove si teneva l’incontro per la zona pastorale di Reggio Nord. «Il Sinodo - ha raccontato il parroco del Sacro Cuore - ci fa riscoprire la bellezza dell’essere Chiesa in cammino e di aprire “cantieri”. Stiamo vivendo il cantiere della casa e dell’ospitalità dopo aver vissuto quello del villaggio e della strada. Questo significa che adesso dobbiamo misurarci sulla capacità di ascolto, che è la chiave identificatrice della Chiesa, che include e fa sentire “di casa” tutti coloro che vogliono incontrare Gesù. Questa è la sfida: costruire nella corresponsabilità una comunità che è casa per tutti».


PER APPROFONDIRE: Cammino sinodale, tornano gli incontri nelle zone pastorali della diocesi reggina


Ciascuno secondo il proprio carisma

Tutti pronti ad essere ministri, ciascuno con il proprio ruolo e secondo i propri carismi, come ha sottolineato il vicario zonale di Gallico- Catona-Aspromonte don Nino Iannò: «Ce la stiamo mettendo tutta - ha assicurato il sacerdote - la nostra zona è parecchio eterogenea: abbiamo comunità di montagna, altre in riva al mare, ciascuna con esigenze e carismi particolari. Per questo facciamo Sinodo anche andando in un certo senso al di là della proposta: vivendo la sinodalità in maniera comunitaria, ciascuno secondo le inclinazioni e le ricchezze della propria parrocchia».

Rimuovere gli ostacoli per incontrare Gesù

Un insegnamento, quello della corresponsabilità, che è stato al centro della partecipata lectio che Claudio Meliadò ha tenuto nell’auditorium della parrocchia di Santa Maria del Loreto, imperniata sul passo evangelico del paralitico presentato a Gesù dai 4 amici: «Gli amici del paralitico - ha spiegato Meliadò - trovano una strada nuova, eliminando ciò che impediva di entrare a contatto con Gesù, questo ci ha aiutato anche a vedere quelle che sono le sovrastrutture, quello che ostacola l’incontro con Cristo all’interno delle nostre comunità ecclesiali. È una riflessione che può aiutarci molto: per una vera Chiesa in uscita si deve partire sempre dall’ascolto dell’altro, abituarci a vedere nell’altro qualcuno da amare, qualcuno che è stato salvato da Cristo come me, che può vivere nella sua vita la pienezza della salvezza, ma questo passa dalla corresponsabilità, dall’amore degli altri». Qualcuno negli interventi ha posto l’accento - sempre in riferimento all’episodio evangelico del paralitico - sul fatto che Gesù non si limita a curare il sintomo, ma la causa. «Credo che anche questa sia un’ottima indicazione - commenta Meliadò - bisogna avere un’attenzione particolare alle cause delle sofferenze delle persone che si avvicinano alle nostre comunità o che non hanno il coraggio di avvicinarsi ».

Articoli Correlati

parrocchia san cristoforo reggio calabria

La storia della parrocchia di San Cristoforo, rione di Reggio Calabria

Sulle colline di Reggio Calabria sorge una parrocchia dell’omonimo quartiere: San Cristoforo. Una chiesetta costruita da alcuni abitanti testimonia una diffusa devozione al santo già nel XVI secolo; nel 1595 la visita del vescovo D’Afflitto. Ripercorri le tappe storiche della comunità.