Avvenire di Calabria

Un diacono, originario di Agrigento, sarà ordinato domani nella Basilica minore di Cassano allo Ionio

Cassano si prepara ad accogliere un nuovo sacerdote

A presidere all'ordinazione sarà monsignor Francesco Savino: la messa inizierà domani, 6 agosto, alle 18

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cassano si prepara ad accogliere un nuovo sacerdote. Domani, 6 agosto, la diocesi di Cassano allo Ionio vivrà l'ordinazione sacerdotale di Giovanni Lattuca. A presiederla sarà il vescovo Francesco Savino.

Cassano si prepara ad accogliere un nuovo sacerdote

Dalla Sicilia occidentale all'alto ionio calabrese. Il cammino di fede di Giovanni Lattuca supera i confini regionali e spalanca le porte del cuore. E lo fa nei confronti di quel Signore Gesù a cui dirà il suo "eccomi" domani.

A sostenere questo momento così intenso sarà la comunità diocesana di Cassano allo Ionio. Un momento di festa che coinciderà con il ricordo liturgico della Trasfigurazione del Signore. Il diacono siciliano riceverà l'ordinazione sacerdotale per imposizione delle mani e preghiera consacratoria di monsignor Francesco Savino.


PER APPROFONDIRE | Un club service per sostenere le vocazioni nella Piana (Leggi l'articolo)


E proprio il vescovo di Cassano allo Ionio a diffondere la lieta notizia: dopo il 6 agosto, alle 18, nella Basilica minore della Cattedrale diocesana, ci sarà un nuovo sacerdote al servizio del popolo di Dio.

Don Giovanni Lattuca attualmente è residente nel comune di Montegiordano. Dopo l'ordinazione riceverà il suo nuovo incarico pastorale. È possibile unirsi in preghiera attraverso Telelibera Cassano o sui canali social della diocesi.

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.