Avvenire di Calabria

Nella prima domenica di Avvento, presso il Pontificio Seminario teologico San Pio X l'avvio ufficiale

Catanzaro, al via il secondo anno di Cammino sinodale

Il vescovo Maniago: «Questo tempo che stiamo vivendo ci ricorda la bellezza della Chiesa che abbiamo il dovere di far risplendere»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domenica 27 novembre, presso il Pontificio Seminario Teologico “San Pio X” di Catanzaro, si è dato ufficialmente inizio al secondo anno del Cammino Sinodale.

L’introduzione ai lavori è stata di suor Stefania Pusineri, referente diocesana del Cammino Sinodale delle Chiese in Italia, che ha presentato il secondo anno di Cammino Sinodale nel quale siamo invitati a riflettere sugli ambiti proposti ne “i cantieri di Betania”.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Non è facile mettersi in cammino e ‘insieme’ – ha sottolineato suor Stefania –, non è facile nel nostro contesto storico, che sta ridefinendo scelte e modalità di relazione e di partecipazione. Non è facile, ma è possibile perché il Signore ce lo chiede, e noi abbiamo cominciato a sperimentarlo! […] È fondamentale capire che questa esperienza di Cammino Sinodale non è un evento, non basta realizzare iniziative, incontri e tutto ritorna come prima. Quello che stiamo vivendo è l’osservazione, l’ascolto, l’analisi, la condivisione, la costruzione insieme della nostra vita, di quello che noi siamo come comunità. Per questo il Cammino Sinodale è una prospettiva che interpella tutti: come annunciare il Vangelo insieme!».

Catanzaro, i temi del secondo anno di Cammino sinodale

«Dalla consultazione del popolo di Dio sono emerse alcune priorità, che sono state rielaborate e rilanciate ne: “I Cantieri di Betania”, tre cantieri - ricorda la religiosa - ispirati al passo evangelico di Gesù ospite presso la casa di Marta, Maria e Lazzaro. A questi se ne poteva aggiungere un quarto, come noi abbiamo scelto di fare in accordo con il nostro Vescovo: Il cantiere della strada e del villaggio; Il cantiere dell’ospitalità e della casa; Il cantiere delle diaconie e della formazione spirituale; Il cantiere della fede e delle tradizioni».

Quest’ultimo cantiere, così come spiegato successivamente da don Ivan Rauti, referente diocesano del Cammino Sinodale delle Chiese in Italia insieme a suor Stefania,  è stato scelto dalla nostra Diocesi perché «il cammino sinodale ci aiuta a guardare con maggiore consapevolezza alla nostra realtà ecclesiale, fortemente segnata e connotata dalla pietà popolare. In essa si riconosce l’aspetto più genuino della fede, quello appunto del ‘popolo’ che, nei secoli, ha cercato di manifestare nel modo più congeniale e, quindi, più semplice il suo essere cristiano».

L’Arcivescovo di Catanzaro, monsignor Maniago poi, dopo aver manifestato la gioia di essere presente all’incontro con una grande partecipazione dalle varie parrocchie, ha posto l’accento sul Cammino Sinodale che la Diocesi, in comunione con le altre chiese particolari, sta facendo e ha chiesto: «Alle tante iniziative che stiamo vivendo, quanto il nostro cuore si converte? Quanti sono coloro che vogliono davvero camminare con il Signore?».

Maniago: «Questo incontro serve per svegliarci, proprio come suggerisce il periodo d'Avvento»

Ha, dunque, sottolineato che «questo incontro serve per svegliarci, proprio così come dice la liturgia di questa prima domenica di Avvento». Non possiamo distrarci, addormentarci e non accorgerci del Signore che viene, che cammina con noi, che è il nostro pastore. «All’inizio di questo secondo anno – ha continuato l’arcivescovo – vogliamo metterci entusiasmo, rendere bello il volto della nostra Chiesa, perché la nostra Chiesa è bella per natura e non perché si trucca».

«Il Cammino Sinodale – ha concluso Mons. Maniago – serve a ricordarci proprio la bellezza della Chiesa, che abbiamo il dovere di far risplendere. Esso ci chiede consapevolezza e deve essere accompagnato da un sano spirito di conversione. E, inoltre, va vissuto con gioia».


PER APPROFONDIRE: Cammino sinodale, la riflessione di Maniago apre la seconda fase diocesana


Dopo la breve spiegazione dei cantieri da parte della Commissione Sinodale Diocesana con delle domande orientative con cui riflettere, ogni vicaria si è riunita per scegliere uno dei quattro cantieri su cui lavorare e ascoltarsi. Al termine si è riportato in assemblea quanto emerso in ogni vicaria, dandosi alla fine appuntamento al prossimo 12 febbraio in un luogo da definire.

Articoli Correlati

chiese estinte reggio calabria

Alla riscoperta delle chiese estinte di Reggio Calabria

Sapete cosa sono le chiese estinte? E sapete che ne esistono diverse anche a Reggio Calabria? Grazie al lavoro certosino dell’architetto Renato Laganà siamo andati alla riscoperta delle parrocchie che non esistono più, ma che hanno fatto la storia della diocesi reggina.