Avvenire di Calabria

Legambiente Calabria richiede un programma di ora la riqualificazione dell'area

Centrale di Saline Joniche, chiuso procedimento

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo anni di battaglie si è messa finalmente la parola fine ad una vicenda che ha visto una mobilitazione massiccia da parte dei cittadini e del mondo associativo che, attraverso anche il Coordinamento No Carbone, si sono battuti per contrastare la realizzazione della centrale a carbone a Saline Joniche.

Legambiente Calabria ha portato avanti una dura lotta attraverso il Circolo locale di Reggio Calabria, sempre in prima linea in difesa del territorio e per la salute dei cittadini.

L’archiviazione del procedimento da parte del Ministero gratifica le attività svolte e stimola al raggiungimento di altre ed importanti battaglie che l’Associazione ambientalista persegue con entusiasmo ed ottimismo perché fiduciosa del lavoro della magistratura e delle Istituzioni.

La presidente del circolo di Reggio Calabria Nicoletta Palladino ed il presidente di Legambiente Calabria Francesco Falcone chiedono ora che “si proceda subito alla riqualificazione dell’area”.

Articoli Correlati

Ecoreati, il triste primato della Calabria

Il caso degli sversamenti nocivi nel torrente Valanidi a Reggio riaccende i riflettori su una piaga che da sempre attraversa l’intero territorio calabrese. Legambiente: «c’è da fare di più».