Avvenire di Calabria

All'incontro che si è svolto online, è intervenuto anche il Segretario generale regionale Tonino Russo

Consiglio generale della Cisl, verso il congresso di febbraio 2022

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Consiglio generale della Cisl, verso il congresso di febbraio 2022. Si è svolto quest’oggi il Consiglio generale della Cisl di Reggio Calabria. La riunione, svoltasi da remoto, ha avuto la partecipazione del Segretario generale regionale Tonino Russo, al quale è stata affidata la presidenza del "tavolo". Russo ha sottolineato l’importanza dell’inizio della fase congressuale alla quale si accinge l’organizzazione. Il segretario generale ha ringraziato Rosy Perrone, e la sua segreteria, per «il grande sforzo di rappresentanza in riva allo Stretto, soprattutto in questi lunghi mesi flagellati dalla pandemia Covid».

La Segretaria generale della Cisl, dopo l’approvazione dei punti all’ordine del giorno relativi agli adempimenti per la fase di preparazione al Congresso dell’Unione sindacale territoriale della Cisl, che è stato fissato per il 4 e il 5 febbraio 2022, ha relazionato, sull’agenda della politica sindacale che ha animato l’azione della sua segreteria, e ha fissato gli obiettivi che si pone di raggiungere con lo spirito di servizio che ha sempre contraddistinto l’ azione del sindacato a Reggio Calabria.

Consiglio generale della Cisl, le parole di Rosy Perrone

«Al tramonto della grande manifestazione unitaria di lunedì - ha esordito Rosy Perrone - dove sono intervenuti i Segretari Generali nazionali di Cgil, Cisl e Uil, ciò che resta sul territorio è la consapevolezza che il Sud, la Calabria e la Città Metropolitana sono centrali all’interno della discussione nazionale grazie alla spinta propulsiva di Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri. Non dobbiamo far spegnere i riflettori su un territorio che ha l’assoluto bisogno di non perdere l’ultimo treno del Recovery Fund».

Le sfide della Cisl in tempo di pandemia

Per quanto concerne il cuore pulsante della relazione, la Segretaria generale della Cisl reggina, non ha potuto fare a meno di ricordare le grandi battaglie sui temi scottanti che hanno condensato lo sforzo delle federazioni e della Segretaria dell’UST, dal problema sanità, all’emergenza rifiuti, per poi passare alla questione trasporti e mobilità sostenibile, fino al tema delle grandi infrastrutture come il progetto del Ponte sullo Stretto, alle infrastrutture intermodali da valorizzare e rilanciare come l’Aeroporto dello Stretto "Tito Minniti" e la SS 106; e ancora il Porto di Gioia Tauro e la Zes, con diretto riferimento ad un altro valore aggiunto per il territorio, come l’Autorità dello Stretto di Messina. Rosy Perrone ha sottolineato che con liceità d’azione, serietà ed impegno, la Cisl sta portando avanti tante battaglie, ma anche percorsi di confronto e condivisione con le istituzioni a tutti i livelli. Tra tutte, la questione lavoratori e precari; e quelle dei tirocinanti, dei lavoratori della "legge 30", e ancora lsu e lpu. Inoltre è stato dedicato un passaggio alla settimana di mobilitazione sulla sicurezza lavoro, e l’impegno costante dell’organizzazione sulla formazione e sulle competenze digitali, Rosy Perrone li ha definiti «strumenti imprescindibili per un sindacato che vuole parlare un linguaggio adeguato alle sfide del nostro tempo». Più volte rimarcata la grande attenzione sociale dedicata alla partecipazione e al contributo progettuale, nella maturazione dei piani di zona del perimetro Metrocity; e ancora, anziani, minori, fasce deboli ed un approccio di prossimità rivolto al welfare e al sostegno sociale, unico viatico per la costruzione di una società a misura d’uomo: queste le stelle polari della relazione della Segretaria Perrone.

Il mezzogiorno e le questioni occupazionali

Tra gli ultimi argomenti approfonditi, non certo per importanza, la Segretaria Perrone ha ribadito la posizione importante della Cisl sul lavoro da sud: «Pensiamo ad una proposta di regolamentazione del lavoro agile, che rivoluzioni l’idea del ‘lavoro da remoto’ e dia il via allo smart working, inteso come effettiva possibilità di scegliere di vivere dove si desidera, lavorando da casa e con il supporto di una contrattualizzazione definita, per rigenerare il tessuto occupazionale ed economico del nostro tessuto territoriale».

Infine, prima della relazione di chiusura del Segretario generale regionale Russo, sono intervenuti: Pasquale Loiacono FNP Cisl Rc, Carmelo Fallara Responsabile del Caf Cisl Rc, Romolo Piscioneri FAI Cisl Rc, Domenico Giordano Fit Cisl Rc, Francesco Giunta Slp Cisl Rc, Giuseppe Chiarolla Fim Cisl Rc, Vincenzo Sera Fp Cisl, Francesco Ferraro (Componente di Segreteria della Fai Cisl regionale).

Articoli Correlati

Covid in Calabria, contagi in calo

Contagi in calo rispetto al giorno precedente in Calabria. È quanto emerge dall’ultima ricognizione del Dipartimento tutela della salute della Regione. I numeri.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.