Avvenire di Calabria

Matrimonio, il Tribunale ecclesiastico diocesano di Lamezia Terme avvia una nuova opportunità destinata ai fedeli lametini

Coppie in crisi, il Tribunale ecclesiastico di Lamezia Terme lavora sull’ascolto attivo

Si tratta di un servizio giuridico-pastorale che offre un aiuto in termini di ascolto, sostegno e discernimento per le coppie in crisi

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Tribunale ecclesiastico diocesano di Lamezia Terme ha attivato un ufficio di consulenza “giuridico-pastorale” rivolto ai fedeli che soffrono situazioni di crisi nel loro matrimonio o s’interrogano sulla validità dello stesso. E ciò con riferimento sia al caso in cui il matrimonio appaia in crisi, ma ci sia ancora la speranza o il desiderio di poter ricostruire il rapporto, sia quando intervenga già una situazione di separazione o addirittura di divorzio e si desideri essere aiutati a viverla con spirito ecclesiale, verificando se sia possibile la dichiarazione di nullità delle proprie precedenti nozze.

Il servizio giuridico-pastorale, facendo riferimento anche all’ufficio per la pastorale della famiglia, offre, nell’ambito di una specifica consulenza in campo giuridico-canonico, un primo aiuto in termini di ascolto, sostegno e discernimento circa la possibilità di introdurre una causa di nullità del matrimonio.

Per le modalità di accesso al servizio, si rinvia al sito della Diocesi di Lamezia Terme: https://www.diocesidilameziaterme.it/consulenza-giuridico-pastorale.php

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.