Avvenire di Calabria

La Calabria è attualmente la regione più vicina alla zona gialla per via dei valori relativi ai ricoveri nei reparti ordinari e nelle terapie intensive

Coronavirus. Calabria (quasi) in zona gialla

«La regione calabrese ha superato la soglia del 10% delle terapie intensive (è all'11% circa) con trend di crescita» spiega l'esperto del Cnr

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Coronavirus. Calabria (quasi) in zona gialla. La Calabria è attualmente la regione più vicina alla zona gialla per via dei valori relativi ai ricoveri nei reparti ordinari e nelle terapie intensive, mentre Lombardia, Marche, Veneto e Liguria potrebbero raggiungere valori da zona gialla nelle prossime settimane.

Coronavirus. Calabria (quasi) in zona gialla

È quanto indicano le analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo 'M.Picone', del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), basate sui dati epidemiologici della Protezione civile e su quelli sull'occupazione negli ospedali forniti dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas).


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


"La Calabria ha superato la soglia del 10% delle terapie intensive (è all'11% circa) con trend di crescita, mentre è al 14,5% per i reparti ordinari, dove da 9 giorni subisce un'improvvisa crescita lineare con tasso di aumento pari a circa 0,39% al giorno. Di conseguenza - osserva l'esperto - entro martedì prossimo (giorno a cui di norma fa riferimento il monitoraggio settimanale del venerdì) si prevede che sia oltre le soglie per la zona gialla". 


PER APPROFONDIRE: Coronavirus, nuove restizioni e mascherina all’aperto anche in Calabria


Nell'ultima settimana si osserva una frenata della crescita negli ingressi nelle terapie intensive e nei decessi, rileva ancora Sebastiani. "Mentre la curva della percentuale dei positivi ai test molecolari e quella dei positivi totali continuano a crescere in modo di fatto lineare, quella degli ingressi giornalieri in terapia intensiva e quella dei decessi mostrano nell'ultima settimana un trend di frenata della crescita, come messo in evidenza dall'analisi delle differenze percentuali settimanali - rileva Sebastiani - Le ultime due grandezze hanno un'importanza maggiore delle prime due poiché non risentono delle variazioni del numero di test giornalieri e coinvolgono le forme più gravi della malattia".

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»