Avvenire di Calabria

Il chiarimento del vescovo monsignor Francesco Oliva a tutta la comunità diocesana

Diocesi di Locri-Gerace, le processioni restano sospese

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diocesi di Locri-Gerace, le processioni restano sospese. La conferma arriva dal vescovo monsignor Francesco Oliva in una lettera indirizzata a tutta la comunità diocesana. Un chiarimento resosi necessario al fine di evitare eventuali iniziative personali. «Non potendo assicurare nello svolgimento delle processioni il rispetto delle misure precauzionali determinate dalle autorità sanitarie, civili e religiose, così come previsto dalla Legge 17 giugno 2021, n. 87 (di conversione del D.L. 22 aprile 2021, n. 52) e dalla circolare del Ministero dell’Interno del 19 maggio 2021, relativa alle norme per il contenimento della diffusione del Covid-19, ne confermo – scrive Oliva – la sospensione fino a nuovo provvedimento».

Processioni sospese, impossibile attuare misure anticovid-19

 Nel rispetto della norma del distanziamento fra le persone attualmente vigente, ribadisce il presule, «diventa infatti impossibile organizzare processioni, trasferimento pubblico di immagini sacre, fiaccolate o momenti di preghiera che rischiano assembramenti. Pertanto le feste patronali si devono limitare alle sole celebrazioni liturgiche».

«Uniti nella fede»

Un invito a non scoraggiarsi e a stare più “vicini” nella fede, arriva ancora da monsignor Oliva nonostante nella diocesi di Locri-Gerace le processioni restino sospese. «In questo tempo di pandemia – ancora le sue parole – proviamo a vivere i momenti di festa con sobrietà, privilegiando gesti significativi di carità soprattutto verso coloro che, a causa della pandemia e della precarietà del lavoro, vivono situazioni di grave disagio. Sappiamo bene che la carità è la migliore destinazione dell’obolo della vedova. Lasciamoci guidare da prudenza, consapevolezza e responsabilità. La prudenza ci aiuta a prenderci cura di noi stessi e degli altri».

«Non è tutto finito»

Il vescovo di Locri-Gerace fa appello alla consapevolezza rispetto alla pandemia che «allontana da noi l’ingenuità di pensare che tutto sia finito» e alla responsabilità che «c’invita a fare passi concreti per superare sospetti e paure che ci isolano gli uni dagli altri e per abbracciare uno stile di vita solidale e rispettoso verso quanti sono in difficoltà, evitando sprechi e condividendo quanto possiamo».

Le processioni restano sospese

«Confido – conclude Oliva – nel senso di responsabilità dei parroci, dei Comitati, delle Confraternite, delle Associazioni e di quanti a vario titolo promuovono la religiosità popolare di attenersi scrupolosamente alle suddette disposizioni. Si tratta per tutti di un concreto esercizio di carità e per chi ha responsabilità verso altri di un preciso dovere. La Beata Vergine Maria e i nostri Santi Patroni intercedano per noi, affinché presto possiamo ritornare e incontrarci, liberi dai vincoli della pandemia e arricchiti da autentiche esperienze di solidarietà e comunione. Il Signore ci protegga tutti e doni guarigione, coraggio e speranza a chi è malato e a chi se ne prende cura».

Articoli Correlati

Balzo di positivi in Calabria, oggi sono 110

Balzo di positivi in Calabria. Secondo l’ultimo bollettino della Regione sull’emergenza Covid-19, oggi si contano ben 110 casi in più di soggetti che hanno contratto il virus su tutto il territorio regionale

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.