Donne dei clan, un protocollo che protegge chi si dissocia – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Domani sarà siglato un protocollo presso la Procura Nazionale Antimafia

Donne dei clan, un protocollo che protegge chi si dissocia

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domani, 2 febbraio, sarà siglato un protocollo molto importante presso la Procura Nazionale Antimafia. Si tratta di un momento molto importante perché si darà una copertura governativa alle vittime della violenza mafiosa - come la tredicenne stuprata dal branco capeggiato dal figlio del boss Iamonte - e alle donne che si dissociano dalla 'ndrangheta - come le cosiddette "vedove bianche" - senza rivestire lo status di testimone o collaboratore di giustizia- che al momento non sono tutelate da alcuna legge. Un grande passo in avanti fortemente sostenuto dal presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, Roberto Di Bella, e dal Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho.

Articoli Correlati

Davvero liberi di scegliere? «Serve la legge»

Parla Roberto Di Bella, presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, ideatore del Protocollo finanziato dalla Cei che offre un futuro ai figli di mafia. Qui ci offre una lettura dei risultati e delle tante storie di riscatto di minori usciti dal circuito della criminalità organizzata. Oggi tornano a trovarlo con le fidanzate per dirgli grazie.

Di Bella: «Le relazioni salvano i ragazzi dalla mafia»

Nelle famiglie di ’ndrangheta sono le madri a chiedere che i figli vengano portati via. Proprio grazie al loro coraggio è stato possibile salvare molti bambini: «Se fino a molto tempo fa la donna di ndrangheta era vista come colei che assicura la continuità generazionale anche quando i mariti sono stati uccisi o sono in carcere – spiega Di Bella – adesso ci stiamo accorgendo che le donne più giovani cominciano a manifestare la loro sofferenza».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.