Avvenire di Calabria

"Non abbiamo bisogno di simboli e retorica, ma di rispetto, soprattutto dalle istituzioni", così la presidente della Commissione pari opportunità Lucia Anita Nucera

Donne, Nucera: «L’8 marzo serva da monito per riflettere»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«La Giornata dell'otto marzo deve servire da monito per riflettere su quanto ancora sia lontana la parità di genere nel nostro Paese. A differenza delle altre nazioni europee e americane, dove il cambiamento culturale sembra affermarsi sempre più con l'inevitabile assolvimento di ruoli di primo piano delle donne in politica, ma in generale nelle posizioni chiave della società civile e sociale, in Italia si stenta e sono ancora poche le cariche ricoperte da donne». Ad affermarlo è Lucia Anita Nucera presidente Commissione pari opportunità, pace, diritti umani, relazioni internazionali e immigrazione.

«Il cambiamento, però, deve partire principalmente da noi donne, perché spesso ancora le iniziative sono isolate e a volte, si tende ad accondiscendere per sudditanza e sottomissione il volere degli uomini nelle decisioni. Questo non deve assolutamente succedere. Purtroppo, invece accade in politica come in tanti altri settori. Lo dico da donna e da mamma - continua Lucia Anita Nucera -  si deve avere il coraggio di ribellarsi e di opporsi, anche a costo di essere isolate, ma di avere la coscienza di avere agito con dignità e rispetto della propria persona. Solo con una presa di coscienza forte e collettiva ci potrà essere un reale cambiamento culturale che deve per forza di cose, passare dalle nuove generazioni e avvenire nel tempo. Questo riguarda anche la questione della violenza sulle donne per la quale c'è bisogno di interventi e azioni concrete per creare una rete di sostegno e protezione oltre che di inserimento lavorativo. A poco servono i gesti simbolici e le vetrine per la propria visibilità. Nell’attivo penso che sarebbe opportuno inserire gli strumenti avviati e che non sono stati portati avanti, per dare supporto alle donne vittime di violenza, attraverso anche il coinvolgimento delle scuole e con diverse figure delle associazioni al volontariato. Non abbiamo bisogno di simboli e retorica - conclude la presidente - abbiamo bisogno di rispetto, soprattutto dalle istituzioni».

Articoli Correlati

Disoccupazione in Calabria, «situazione mortificante»

“È necessaria una presa di coscienza collettiva – afferma Lucia Anita Nucera – per un reale cambiamento rispetto a una tendenza che vede spesso l’immagine, la superficialità, l’impreparazione come modus operandi della politica”.

Al via il webinar «Donna, salute e fertilità»

L’obiettivo è coinvolgere quanti più insegnanti e sensibilizzatori del Metodo Billings, medici, ginecologi, ostetriche, educatori, operatori dei consultori familiari e tutti coloro che sono interessati ai temi trattati.