Droga, i metodi ”duri” dell’educatore: «Confrontiamoci» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Gianni Cucè lavora al Cereso da vent'anni e di ragazzi in balia delle dipendenze ne ha visti davvero tanti

Droga, i metodi ”duri” dell’educatore: «Confrontiamoci»

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ad aprirci il cancello della Comunità è Gianni Cucè, educatore del Cereso da ormai 20 anni. Tuta, mascherina e occhiali da sole: la sua “divisa” ci incuriosisce. Vedendolo andare avanti e indietro, capiamo il perché debba stare così comodo: la mattinata che viviamo a Sant’Alessio gli cala d’alto le vesti da cicerone della struttura, un abito che gli calza a pennello.«Ogni giorno quando apro questo cancello è difficile non portarsi dentro i volti dei ragazzi che ho conosciuto in questi vent’anni. La prima sensazione che ho percepito il primo giorno che sono entrato in Comunità è stata quella di vedere la sofferenza di ritrovarsi in quello stato che si intreccia con la voglia di riscatto », racconta. Quando arriviamo al tavolo “tech” è subito illustrata l’organizzazione del Cereso e...della giornata. Ruoli, responsabilità e attività: tutto da comunicare agli educatori in turno.

Una forma di controllo? Non immaginatevi nessuna coercizione, anzi. «A noi serve sapere dove sono i ragazzi per poter intervenire con lo strumento più potente che abbiamo: il confronto », spiega Gianni Cucè.

Mentre ci illustra tutti gli adeguamenti dovuti al Covid-19, con un’ala della struttura dedicata alla quarantena fiduciaria per i nuovi ingressi in comunità, Cucè non manca di tratteggiare come siano cambiati gli ospiti in questi vent’anni: «C’è stata una vera epropria rivoluzione, sia dentro le Comunità, se pensiamo a vent’anni fa immediatamente parliamo di metadone, ma anche fuori con l’evoluzione delle sostanze: oggi le droghe chimiche stanno stravolgendo anche l’approccio che hanno gli utenti rispetto al riconoscersi “tossici”. Sono più inseriti nella società, non vivono ai margini, e per questo l’effetto è più difficile da distinguere».

Ma cosa spinge un uomo, ogni mattina, a vivere la dimensione comunitaria con quelli che molti definiscono “gli scarti della società”. La risposta dell’educatore reggino è carica di emozioni: «È bellissimo vivere il rapporto coi ragazzi, il loro affidamento a noi educatori è un regalo vicendevole che ci facciamo. L’obiettivo è ricostruire, ma per riuscirci, dobbiamo farlo assieme».

«Non si arriva alla droga per via di drammi gravi. Spesso ciò che incide è la mancata accettazione di se stesso: “farsi” aiuta a darsi una dimensione nel rapporto con gli altri. Vivere la dimensione comunitaria ribalta questo principio: qui ognuno è valorizzato per quello che è», conclude Cucè.

Articoli Correlati

La vita dopo la Comunità, i dubbi della responsabile

Antonella Muscatello, responsabile della Comunità terapeutica ”Totò Polimeni” del Cereso, detta i ritmi della casa. Ma la sua vera preoccupazione è per la fase successiva alla ”convivenza” in Aspromonte. Parliamo del re-inserimento lavorativo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.