Avvenire di Calabria

Nell’estate 2010 come ogni anno si verificò una crisi idrica nel centro cittadino

Due pozzi comunali mai utilizzati

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

All’interno del terreno confiscato alla cosca Libri in contrada Riparo Vecchio di Cannavò vi era un pozzo in muratura che – presumibilmente – serviva idricamente il fondo. Nel 2010 – durante un periodo di vera e propri siccità per i rubinetti del centro cittadino – l’Amministrazione Comunale decise di attingere alle falde acquifere dell’area costruendo non uno, ma ben due pozzi a immersione. Il primo andando a soppiantare quello esistente, il secondo pochi metri più a nord.
Un impianto che – a conti fatti – poteva arginare le ondate di carenza idrica che stabilmente attanagliano la città di Reggio Calabria. Peccato che – come dimostra il contatore – quei pozzi sono rimasti pressocché inutilizzati con uno che addirittura adesso è pure otturato. Insomma ancora uno spreco lungo la via dell’acqua. I pozzi, tra l’altro, versano in uno stato di totale abbandono con la sola supervisione dell’associazione Ambiente e/è Vita.
Quei terreni sono gli unici (con un un contratto regolare), infatti, irrigati dai servizi di fornitura idrica degli impianti di Cannavò. Come dire: altrove, anche in centro cittadino, diverse abitazioni rimangono per mesi senza acqua, mentre a pochissimi chilometri dai quartieri più popolosi, ben due impianti costruiti con fondi pubblici giacciono nell’oblio più totale.
Si è persa la memoria di quei pozzi? Perché non sono stati utilizzati? Allora secondo quale criterio ne è stata autorizzata la relativa spesa per la costruzione? Domande che annegano rispetto alla burocrazia comunale.

Articoli Correlati

beni confiscati bando

Beni confiscati, ecco chi li gestisce in Calabria

In occasione dell’anniversario della legge 109/96 che ha compiuto 28 anni, l’Associazione antimafia Libera ha presentato il rapporto annuale sulla gestione e destinazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata.