Avvenire di Calabria

Lo strumento digitale aperto alle proposte e ai suggerimenti, don Francesco Megale: "Così la Chiesa aiuta a rimanere in contatto"

È online il nuovo sito della parrocchia di Campo Calabro

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È online il nuovo sito della parrocchia Santa Maria Maddalena di Campo Calabro. Dopo alcuni mesi di preparazione, la pagina web si rinnova nella veste grafica e nei contenuti ed è stata pensata e organizzata per la divulgazione di tutto quello che riguarda la comunità dei fedeli con uno sguardo anche al territorio e alle realtà associative presenti. Nel sito si potranno leggere notizie sulla storia e la crescita della parrocchia negli anni, sulle sue realtà vive e operanti e sugli eventi che la rendono, ancor oggi, sempre attiva. Saranno presenti notizie sulle iniziative a carattere liturgico (celebrazioni, momenti di preghiera), di carattere pastorale (catechesi e formazione) e ricreative, in particolar modo quelle passate, in attesa di poter rivivere momenti di aggregazione non appena l’emergenza pandemica sarà finita.

Consultando le varie sezioni sarà possibile conoscere i gruppi presenti nella comunità parrocchiale (Agesci, Azione cattolica, Caritas, Congreghe) di che cosa si occupano e tutte le informazioni sulle loro attività. Fortemente voluta dal parroco don Francesco Megale, la pagina Internet consente la condivisione di informazioni per le famiglie, per i gruppi e per tutti coloro che vorranno gettare lo sguardo su come vive e si impegna la comunità parrocchiale campese insieme alle varie realtà sociali del territorio. L’augurio è che questo strumento cresca con la collaborazione di tutti, con proposte e suggerimenti e soprattutto con collaborazione fattiva di tutti. La Chiesa da sempre missionaria svolge un compito importante: annunciare la parola di Dio. Lo fa anche per strade nuove come può essere l’ambiente digitale. Ce lo ricorda papa Francesco: «Il mondo sta diventando sempre più piccolo, e noi siamo sempre più vicini gli uni gli altri. I miei amici sui social network, al di là del fatto che vivano in Brasile o in Italia, sono sempre alla distanza di un click. Tutti siamo più connessi e interdipendenti».
Un pensiero condiviso in pieno anche da don Francesco Megale: «Per noi comunità parrocchiali - afferma - ormai non è possibile stare lontani da questi luoghi di informazione ed evangelizzazione». Collegamenti Social e vere e proprie sale della comunità virtuali: così «la Chiesa - conclude don Francesco Megale - non ha paura ad entrare in relazione con il mondo, ma lo aiuta a diventare più umano. Con questo spirito di fratellanza, voglio ringraziare chi ha collaborato alla realizzazione del sito, all’interno del quale è annessa anche una ricerca sulla chiesa di Campo Calabro tratta dal libro del professore Centorrino. Grazie ai ragazzi della redazione del giornalino parrocchiale “L’Agorà campese” e al web master».

Articoli Correlati

La ricercatrice reggina in Uk: «Meno costano più ci spiano»

La tecnologia a costi bassissimi cela tante insidie: tutti i sistemi che dovrebbero ”proteggerci”, spesso, inviano i nostri dati personali verso server sconosciuti. E le ”Smart Tv” sanno tutto di noi e vendono le informazioni ai Social network.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.