Avvenire di Calabria

L'intervento del primo cittadino di Reggio Calabria

Falcomatà: «Vicini a don Giuseppe Cosa e alla comunità di Bocale»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Piena vicinanza e solidarietà al Parroco di Bocale Don Giuseppe Cosa, destinatario di un vile atto intimidatorio avvenuto la scorsa notte, quando ignoti hanno dato alle fiamme la sua auto, parcheggiata a pochi passi dalla Chiesa “Santi Cosma e Damiano”». È quanto dichiara il sindaco metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà commentando il grave atto intimidatorio subito dal Sacerdote della Parrocchia della periferia sud di Reggio Calabria.
«L’intera comunità della Città Metropolitana si stringe attorno a Don Giuseppe e ai suoi parrocchiani - ha aggiunto il sindaco Falcomatà - sono certo che gesti come questo non fermeranno la fervida attività della chiesa di Bocale che in questi anni ha assunto un’importante funzione sociale riconosciuta dall’intera comunità».

Articoli Correlati

caso miramare

Caso Miramare, quali scenari in caso di condanna?

Venerdì scorso, le richieste di condanna per il sindaco di Reggio Falcomatà e gli altri imputati, tra cui molti amministratori in carica, imputati nel processo legato all’affidamento della struttura.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.