Avvenire di Calabria

Dopo l'evento alluvionale delle scorse settimane, i giovani della Parrocchia San Gaetano Thiene di Melia hanno organizzato un vero e "question time"

Frana Scilla-Melia, in campo i giovani della parrocchia

Sulla questione e su altri problemi si sono confronti i sindaci di Scilla e San Roberto

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo la frana della Scilla-Melia i giovani della Parrocchia San Gaetano Thiene di Melia hanno organizzato un vero e "question time". Hanno coinvolti i Sindaci di entrambi i comuni interessati: Scilla e San Roberto. A promuoverlo, l'associazione “La Voce dei Giovani”. Hanno fatto sedere le amministrazioni comunali di Scilla e San Roberto allo stesso tavolo per discutere dello sviluppo e del territorio di Melia. L'incontro è frutto delle sinergie col Comitato di Quartiere di Melia di Scilla e il Consiglio Parrocchiale, rappresentato da padre Pasquale Triulcio e Rossella Oliveri.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«La Voce dei Giovani da ben otto anni opera a Melia con passione, con un forte impegno civico e senza mai schieramenti od interferenze politiche, una formula che ci ha consentito di adempiere con successo alla nostra missione sociale e ricreativa», afferma il presidente Antonino Surace.

A causa della pandemia non è stato possibile realizzare un evento pubblico, ma questo nostro esperimento sembra essere pienamente riuscito, sebbene sempre migliorabile. Abbiamo portato due Amministrazioni a dialogare tra loro e con la comunità, cercando di portare dei punti fermi sul futuro della nostra borgata. Un’iniziativa che sicuramente ripeteremo perché sviluppo e territorio con la collaborazione di tutti saranno a Melia un binomio possibile».

In merito alla questione relativa alla strada provinciale Scilla-Melia franata lo scorso dicembre, il sindaco di Scilla ha confermato di avere ottenuto la volontà sostanziale della Città Metropolitana per un intervento dal valore di circa 400mila euro, cifre che però formalmente non risultano essere state ancora vincolate.

Il sindaco di San Roberto ha confermato il proprio supporto in ambito metropolitano per risolvere celermente la problematica, che oltre a Melia coinvolge altre frazioni del suo Comune, come ad esempio Sant’Angelo. È emerso un impegno condiviso nell’avviare un dialogo congiunto con l’ASP per ottenere la riattivazione della Guardia Medica a Melia.

Melia, le altre questioni "aperte"

Sulla riapertura dell’ufficio postale, chiuso ormai quasi da due anni, gli amministratori hanno informato la popolazione che la trattativa risulta essere ancora in fase preliminare tra Poste Italiane ed un privato che ha dato la disponibilità di un locale avente le idonee caratteristiche.Il sindaco Ciccone si dice ottimista sul buon esito del braccio di ferro con la SORICAL per il rifacimento della strada che conduce alle grotte di Tremusa, importante sito naturalistico isolato dallo scorso giugno.


PER APPROFONDIRE: Frana la strada provinciale Scilla-Melia, la denuncia del parroco


Il sindaco Micari in veste di vicepresidente della Comunità del Parco d’Aspromonte ha proposto di portare la questione all’attenzione dell’Ente Parco Nazionale, per poi relazionare sui progetti presentati per il rimboschimento di Passo del Falco, incenerito da un incendio ad inizio agosto. L’amministrazione di Scilla ha recepito le segnalazioni relative agli smottamenti nell’area della statua di Padre Pio, confermando l’avvio di nuovi sopralluoghi e lo studio di possibili soluzioni, tra cui il transennamento.

Entrambi i Comuni si sono, inoltre, detti favorevoli a cooperare per realizzare una sala del commiato in un locale nelle disponibilità della Parrocchia, intervenendo col modello già adoperato nell’ambito del ben riuscito campetto. A moderare l'incontro, il giornalista Francesco Ventura, mentre il video integrale è disponibile sulla pagina facebook de “La Voce dei Giovani”.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.