Avvenire di Calabria

È stata presentata questa mattina la relazione annuale del Garante dei diritti dei detenuti calabresi

Carceri in Calabria, tra carenze e modelli positivi: c’è ancora tanto da fare

Il presidente del consiglio regionale Mancuso: «Tanti esempi positivi, ma servono più interventi mirati»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È stata presentata questa mattina in Consiglio regionale, la relazione annuale del Garante regionale per i diritti dei detenuti, Luca Muglia. Tanti gli spunti emersi, rispetto alla condizione delle carceri in Calabria.

La relazione del Garante dei detenuti, fotografia del pianeta carceri in Calabria

Un report che mette in evidenza non solo l'attività svolta dal Garante dei detenuti calabrese, ma anche la situazione del pianeta carceri in Calabria. È quanto ha sottolineato, nel suo intervento, il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso.



Per Mancuso, quella del Garante Muglia «è una relazione che riflette un’attività svolta contemperando la funzione di prevenzione dei problemi con quella propositiva, attraverso un monitoraggio costante delle realtà carcerarie calabresi, al fine di garantire l’applicazione dei principi costituzionali a tutela dei diritti individuali. Primo fra tutti l’articolo 27 della Costituzione, per il quale "la pena non deve essere afflittiva, ma tendere alla rieducazione del condannato ed al suo reinserimento nella società"”.

«Condivido - ha aggiunto Mancuso - la forte preoccupazione per l’accentuato deficit di personale penitenziario in tutti e dodici gli istituti presenti in Calabria. Ringrazio le donne e gli uomini del Corpo della polizia penitenziaria, che si trovano ad affrontare situazioni complesse in un contesto di sofferenza e, spesso, di tensione».


PER APPROFONDIRE: Persone, non i loro reati: il cappellano racconta la vita in carcere


Carenze che riguardano anche le altre figure (professionali, tecniche e sanitarie) necessarie alla piena garanzia di tutela dei diritti dei detenuti. Il presidente Mancuso ha auspicato «attenzione e interventi mirati, da parte delle autorità competenti, al fine di garantire il diritto dei detenuti ad avere prestazioni sanitarie dignitose, assistenza religiosa, formazione professionale, mediazione culturale e linguistica per gli stranieri e ogni altra prestazione tesa alla reintegrazione sociale e all’inserimento nel mondo del lavoro, nonché al mantenimento di un rapporto continuativo nelle relazioni con i familiari».

Diritti dei detenuti, l'impegno del Consiglio regionale calabrese

Inoltre, ha aggiunto il presidente dell'assemblea calabrese: «C’è da valutare positivamente l’attività delle due REMS attive in Calabria, ma è evidente che da sole non siano sufficienti a smaltire le lista d’attesa delle persone socialmente pericolose».

Il Consiglio regionale, - ha ricordato Mancuso - «con una legge del 2022, ha colmato una lacuna che durava tanti anni, adeguando la normativa calabrese a quella dell’ordinamento penitenziario italiano, che ha consentito l’apertura in Calabria di strutture che si occupano di minori sottoposti a provvedimento penale o in esecuzione di pena».

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?