Giornata Internazionale della Pace, «la persona prima di tutto» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Caritas Internationalis invita a porre fine alle violenze, a promuovere la pace e il dialogo interreligioso, mettendo la persona umana al di sopra di tutto

Giornata Internazionale della Pace, «la persona prima di tutto»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Giornata internazionale della pace è per l'umanità un'occasione importante di promuovere la pace come valore unico e di assicurare il proprio impegno incondizionato per la pace, a prescindere dalle differenze. 
Papa Francesco ha notato come «ogni guerra si riveli un fratricidio che distrugge lo stesso progetto di fratellanza, inscritto nella vocazione della famiglia umana». Caritas Internationalis è in linea con il Santo Padre e crede fermamente che la pace sia una cultura che deve essere coltivata, condivisa e vissuta a tutti i livelli della società. Caritas è pertanto impegnata nel promuovere la pace attraverso la costruzione di comunità locali che vivono la loro fraternità attraverso il dialogo e la condivisione.
Caritas trova profonda ispirazione anche nell'enciclica Populorum Progressio, in cui Paolo VI afferma che «lo sviluppo è il nuovo nome della pace». Tale appello ha sempre incoraggiato l'opera di Caritas a combattere efficacemente la povertà e le profonde disuguaglianze sociali.
Purtroppo, ancora oggi vi sono milioni di persone che a causa di guerre e violenze non possono vivere dignitosamente. Milioni di persone che muoiono per colpa di conflitti e violenze, le cui cause sono da ricercarsi nell'egoismo, nell'avidità, nella corruzione, nella discriminazione religiosa ed etnica e nello sfruttamento illegale delle risorse naturali. La memoria del passato deve spingerci alla conversione e ad aspirare ad un mondo in cui la pace e l'armonia possano contribuire allo sviluppo umano integrale.
In un momento in cui COVID-19 ha rivelato a tutti noi la fragilità dell'esistenza umana e ha unito l’umanità intera nella lotta contro la propagazione del virus, dobbiamo combattere contro ogni forma di divisione e odio e - come ha ripetutamente detto Papa Francesco - agire contro «diffidenza e paura che indeboliscono le relazioni e aumentano il rischio di violenza».
Ogni persona per natura aspira alla pace e all'armonia e vuole vivere la propria vita con dignità. Caritas considera questa aspirazione una priorità e in tutto il mondo pone in essere programmi atti a promuovere la pace, l'armonia e la riconciliazione.
Negli Stati di Kachin e Shan settentrionale, Caritas Myanmar porta avanti, assieme alla Chiesa locale, un programma di pace per gli sfollati interni e le comunità interessate dai conflitti. A Mindanao, nelle Filippine, Caritas e la Chiesa locale lavorano per trovare una soluzione pacifica in una regione dove prevale la violenza. In Pakistan, Caritas e la Chiesa promuovono la pace e l'armonia tra le comunità attraverso piccoli progetti di sviluppo. Nella Repubblica Centrafricana, l'arcivescovo di Bangui, insieme all'Imam e al leader della Chiesa protestante nazionale, è in prima linea nel promuovere la pace e la riconciliazione. In Colombia, Caritas rafforza i processi di sviluppo per una trasformazione non violenta dei conflitti attraverso la partecipazione e l'empowerment delle comunità locali.
La pace non può essere raggiunta senza la scelta coraggiosa e disinteressata di porre la persona umana al di sopra di ogni altro interesse. In questa Giornata Internazionale della Pace, Caritas Internationalis ribadisce pertanto il proprio appello a:
- porre fine alla guerra e alle violenze in tutto il mondo, e in particolar modo in Medio Oriente, e a promuovere il dialogo al fine di trovare una soluzione politica a tutti i conflitti. Le violenze e le uccisioni non faranno altro che generare altro odio.
- rimuovere le sanzioni economiche contro la Siria, poiché è chiaro come queste non aiutino a promuovere la pace, bensì aggravino il conflitto e siano dannose per la pace. L'abolizione delle sanzioni può anche incoraggiare i leader politici a sedersi al tavolo dei negoziati.

- promuovere la pace nelle aree di conflitto e garantire che gli aiuti internazionali allo sviluppo prestino particolare attenzione alla costruzione della pace e della riconciliazione a livello di base, promuovendo pace e armonia nelle comunità locali. Ciò include la creazione di opportunità di istruzione e di lavoro, in particolare per i giovani che rischiano di essere reclutati da gruppi armati e milizie.
- sostenere l’impegno dei leader religiosi e delle comunità religiose nella promozione del dialogo interreligioso.

Articoli Correlati

Udienza Papa: «Non c’è contrapposizione tra contemplazione e azione»

“Chi vive in una grande città rischia di perdere la capacità di contemplare”, così il Santo Padre durante nella catechesi di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata del Palazzo apostolico. “La dimensione contemplativa dell’essere umano – che non è ancora la preghiera contemplativa – è un po’ come il sale della vita”, ha esordito Francesco.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.