Avvenire di Calabria

Toccante iniziativa dei bambini dei plessi dell'Istituto comprensivo Pira di Scilla

Gli alunni di Melia pregano insieme per la Pace

Significativo il gesto dei ragazzi che hanno posto la bandiera della pace ai piedi della statua della Madonna: hanno chiesto venga posto fine al conflitto tra Russia e Ucraina

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un messaggio di pace, è quello che si è levato dagli alunni di Melia. Insieme hanno sventolato le bandiere della pace e pregato con il loro parroco, padre Triulcio.

«Tutto quello che chiediamo è dare una possibilità alla pace», è questo il grido accorato degli alunni di Melia (Istituto comprensivo “R.Piria” di Scilla) volto a sottolineare la necessità di fermare la guerra tra Russia e Ucraina e qualunque altro conflitto presente nel mondo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Le ostilità, scoppiate a fine febbraio alle porte d’Europa, hanno suscitato nei giovani angoscia e senso di impotenza, ma anche la volontà di riflettere e agire come costruttori di pace.

Melia, la preghiera per la Pace degli alunni

Accompagnati dagli insegnanti, martedì 12 aprile, gli studenti dei vari plessi del paese hanno sfilato in corteo con striscioni e bandiere contro la guerra, e hanno raggiunto piazza San Gaetano da Thiene; Padre Triulcio li ha quindi accolti in Chiesa per partecipare alla celebrazione Eucaristica in vista della Santa Pasqua.

Significativo il gesto dei ragazzi di porre la bandiera della pace ai piedi della statua della Madonna, un gesto che rimanda al senso più importante della stessa manifestazione, ossia quello di affidare l’umanità sofferente alla Madre di Cristo. Incisiva anche l’omelia di Padre Pasquale, da sempre vicino ai giovani del territorio, incentrata sulla necessità di creare la pace partendo dai concetti fondamentali dell’ascolto e del rispetto dell’altro.

Il momento della celebrazione eucaristica presieduta da padre Triulcio

Dopo la celebrazione, gli alunni della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di 1° grado, sono stati protagonisti di un breve recital di poesie e monologhi, accompagnato infine dall’intonazione delle note de “La guerra di Piero” di Fabrizio De Andrè.


PER APPROFONDIRE: Il messaggio di Morrone per la Pasqua: «Credibili nella fede»


Non solo la marcia e la preghiera per la Pace degli alunni di Melia. Nel corso dell’evento è stata anche effettuata una raccolta fondi in favore di Caritas Ucraina. La scuola dimostra, come sempre, la capacità di educare e di spingere le nuove generazioni verso il valore fondamentale della fraternità, in sinergia con tutte le realtà laiche e religiose esistenti sul territorio.


* Gli alunni della 3 A - Scuola secondaria di primo grado - Melia - I.C. "Raffaele Piria" di Scilla

Articoli Correlati

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste