Avvenire di Calabria

Lo rivela una nota ufficiale della Santa Sede

Il beato Angelo da Acri sarà proclamato santo

Raffaele Iaria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sarà presto proclamato santo il beato Angelo da Acri Cs). La notizia ufficiale è arrivata oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede che riferisce dell’udienza che Papa Francesco ha concesso al card. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e durante la quale ha autorizzato la Congregazione a promulgare, tra gli altri, il Decreto che riconosce un miracolo realizzatosi con l’intercessione del beato calabrese. Nato ad Acri, in provincia di Cosenza, Luca Antonio, questo il nome di battesimo del religioso, il 19 ottobre 1669 da Francesco Falcone e da Diana Errico a diciannove anni entra nel noviziato dei Cappuccini di Dipignano. Ma, dopo alcuni giorni rientra in famiglia. L'8 novembre 1689 con umiltà e coraggio si ripresenta ai frati del convento di Acri e, implorandone il perdono, chiese di essere riammesso alla vita religiosa, ma anche stavolta ritorna a casa. Il 12 novembre 1690 per la terza volta si presenta dai cappuccini e, cosa che ha davvero del miracoloso, il giovane riuscì a ottenere dal ministro generale dell'Ordine la licenza necessaria per ricominciare nel convento del Belvedere di Acri l'anno di noviziato. Il 12 novembre 1691 emise i voti solenni ricevendo il nome di fra' Angelo d'Acri. Dal 1695 al 1700 opera nei conventi di Rossano, Corigliano Calabro e Cassano Jonio e completa gli studi teologici, filosofici e umanistici, che aveva iniziato ad Acri. Il 10 aprile 1700, giorno di Pasqua, viene ordinato sacerdote nel duomo di Cassano Jonio. Da allora gira ininterrottamente la Calabria e il Meridione d’Italia – fino alla morte avvenuta nel 1739 predicando in numerose città e paesi. Fu più volte maestro dei novizi, guardiano nei conventi di Mormanno, Cetraro e Acri, visitatore e definitore provinciale, ministro provinciale e provisitatore generale. La causa di beatificazione fu introdotta il 27 maggio 1778. Nel 1825 viene dichiarato Beato da Leone XII. Le sue spoglie sono custodite nel santuario di Acri, elevato a Basilica minore da Giovanni Paolo II. La diocesi di Cosenza-Bisignano “gioisce” per “questo figlio che sale agli onori degli altari e si affida alla sua intercessione”: il vescovo, mons. Francesco Nolè, i sacerdoti e i fedeli “sono orgogliosi di avere un altro santo consacrato alla missione evangelizzatrice della Chiesa”. Oltre al religioso calabrese il Papa ha approvato i miracoli attribuiti ai pastorelli di Fatima Francesco e Giacinta Marto.

Articoli Correlati

Catechisti, il documento del Papa istituisce un ministero

Catechisti, non prof. È svolta educativa

Il Motu proprio e il ministero di chi prepara ai sacramenti. Riccardo Maccioni, caporedattore e responsabile dell’informazione religiosa del quotidiano Avvenire analizza il documento del Papa che istituisce il ministero del catechista. Per Maccioni, tra gli effetti benefici del Motu proprio c’è «proprio la sottolineatura dell’importanza del ruolo del catechista».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.