Avvenire di Calabria

Complessa attività di indagine dei Carabinieri

Il business dell’edizia scolastica dei Cordì

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

15 arresti, tra Locri e Roma, a professionisti e dirigenti pubblici contigui alla cosca di 'ndrangheta dei Cordì. Sequestrati 12 milioni di euro; i reati contestati sono truffa aggravata, abuso di ufficio e frode finalizzata a favorire l'associazione a delinquere di stampo mafioso. Nel mirino degli inquirenti la gestione delle forniture pubbliche al Comune di Locri e alla Provincia di Reggio Calabria. Tra gli immobili sequestrati anche l’istituto statale d’arte “Panetta” e l’istituto professionale statale per l’industria e l’agricoltura (Ipsia) di Locri ritenuti dagli inquirenti totalmente abusivi. I provvedimenti della Dda di Reggio Calabria, emessi al termine di un’indagine avviata nel 2015, vanno a colpire la pletora di "colletti bianchi" al servizio della cosca di ‘ndrangheta Cordì, operante nell’alta provincia jonica-reggina.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.