Avvenire di Calabria

Consegnata una pergamena di encomio per l'impegno in questo anno di pandemia sul territorio calabrese

Il consigliere Giannetta incontra il Generale della CRI Lupini

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Consigliere regionale Domenico Giannetta consegna al Generale della Croce Rossa Militare, Gabriele Lupini, una pergamena di encomio per la Croce Rossa Militare calabrese.

“Siamo orgogliosi dei nostri uomini - dichiara Giannetta - verso i quali ho manifestato attraverso il Generale Lupini la gratitudine e la stima, che non sono soltanto mie, ma della comunità calabrese tutta, per l’impegno e l’encomiabile opera svolta durante la pandemia”.

“La pandemia è come una guerra che la Calabria combatte con forza e tenacia e dalla quale prova a risollevarsi anche grazie alla grinta dei suoi stessi figli. E, tra i suoi figli migliori - sottolinea il consigliere azzurro - ho visto i militari volontari della Croce Rossa Italiana. Principalmente, per vicinanza territoriale, quelli di Reggio Calabria, come ho avuto modo di constatare durante le mie visite istituzionali all’Unità di Crisi presso la Prefettura di Reggio Calabria, ma anche quelli delle altre Unità dislocate sul territorio della Regione. Uomini valorosi - continua il consigliere - che agiscono con alto senso delle istituzioni, animati da un profondo senso dello Stato. Uomini che si sono impegnati anche in aiuto delle famiglie in momenti di estrema tristezza e difficoltà”.

“Il corpo della CRI militare è ausiliario delle Forze Armate dello Stato, è un valore per la nostra nazione, un valore - conclude Giannetta - cui rendere onore con profondo rispetto”.

rp L’Ufficio Stampa

Articoli Correlati

Croce rossa, un impegno che va oltre la pandemia

Reggio Calabria. Il Comitato locale della Croce Rossa Italiana impegnato a 360 gradi ad affrontare le emergenza sanitarie, ma anche sociali del territorio. Un impegno che va oltre il Covid19.

Bullismo, «intimorire un compagno porta a rimanere isolati»

I giovani della Croce Rossa si preoccupano “delle fragilità, delle necessità, dei bisogni e delle problematiche di generazioni iperconnesse ma sempre più sole”. Al lavoro per migliorare la comprensione della natura degli atti di prevaricazione

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.