Avvenire di Calabria

Il riconoscimento è stato consegnato nel corso della cerimonia ospitata al teatro "Flaiano" di Pescara

Il premio Borsellino per la legalità al vescovo di Locri Oliva

Tra i premiati anche il procuratore Paci, il Prefetto Grassi e don Patriciello

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Questa mattina, presso il teatro “Flaiano” di Pescara, monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, ha ricevuto il Premio Borsellino 2021 per la legalità. Un premio che riconosce l’attenzione che il vescovo riserva ai temi etici (il tema del premio di quest'anno è stato proprio "Sentieri etici").


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Assieme a lui sono stati premiate tante personalità che dedicano il loro impegno quotidiano al contrasto alle mafie: Rosa De Fabritiis, delegata progetto Legalità istituto De Cecco di Pescara, per la scuola; per il sociale, Antonio La Scala, avvocato e presidente associazione Gens Nova; Marco Grassi, ispettore guardia di finanza, associazione Ultimi e Pinuccio Fazio, papà di Michele vittima innocente di mafia e fondatore dell'associazione culturale intitolata al piccolo; per il giornalismo Stefano Pallotta, presidente dell’Ordine giornalisti Abruzzo; Giovanni Bianconi, editorialista del Corriere della sera; e Mariagrazia Mazzola, inviata speciale del Tg1; per la cultura l'attore Roberto Lipari; e Giovanni Parapini, direttore Rai per il sociale.

Il premio Borsellino a monsignor Oliva

Premio alla carriera a don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano; infine, premio Legalità a Francesco Oliva, vescovo diocesi Locri – Gerace; Raffaele Grassi, prefetto di Foggia; Gaetano Paci, procuratore aggiunto di Reggio Calabria; Carmelo Zuccaro, procuratore distrettuale di Catania; Teo Luzi, comandante generale dell'Arma dei carabinieri.


PER APPROFONDIRE: Cammino sinodale delle Chiese che sono in Italia: le tappe


«Il senso del premio Borsellino - hanno spiegato gli organizzatori- è di incontrare i giovani per trasmettere la legalità, secondo l'insegnamento che ci hanno lasciato Paolo Borsellino e Giovanni Falcone». In tale versante hanno mantenuto l’impegno anche durante il tempo della pandemia che aveva impedito lo svolgimento dell’edizione dello scorso anno. «Quello che stiamo facendo ormai da anni – hanno spiegato ancora- è di dare il giusto riconoscimento a quelle personalità che quotidianamente si danno da fare per un mondo migliore».

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»