Avvenire di Calabria

Ospiti del Clan Nadir del Gruppo Scout Nautici Stella Polare della parrocchia di San Domenico

Reggio Calabria, il tuffo nello Stretto degli Scout olandesi

Grazie alla disponibilità del Circolo Velico sono stati protagonisti di un'esperienza unica

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalle acque del Mar del Nord a quelle dello Stretto, è stata un’esperienza indimenticabile per i giovani scout di un gruppo olandese, ospiti in questi giorni degli Scout nautici del gruppo Stella Polare e del Circolo Velico di Reggio Calabria.

Già al centro di progetti di inclusione con al centro l’ambiente e soprattutto il mare, il Circolo Velico di Reggio Calabria ha fatto da cornice ad un evento indimenticabile per quanti vi hanno partecipato.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La società sportiva, da quarant’anni punto di riferimento per tutto il comparto nautico, sociale e istituzionale oltre a quello agonistico e sportivo della città di Reggio Calabria, ha ospitato per un’intera giornata, fatta di uscite in mare e di altre attività veliche, un gruppo di scout olandesi che hanno avuto modo di scoprire le acque dello Stretto, le bellezze del nostro mare e l’emozione di essersi immersi in uno specchio d’acqua in cui storia e mitologia si fondano.

I giovani del gruppo scout olandese hanno vissuto questa singolare e nuova esperienza, insieme ai coetanei amici del Clan Nadir del gruppo Scout Nautici Stella Polare della Parrocchia di San Domenico. Sia i ragazzi olandesi che quelli reggini si sono divertiti tantissimo e sono stati bene, grazie al clima di accoglienza che hanno subito respirato al Circolo Velico.

Nel commentare la bella storia di ospitalità e accoglienza, ma anche soddisfazione da parte dei graditi ospiti, così si legge in una nota del Circolo Velico di Reggio Calabria: «Scoprire Reggio attraverso il mare serve a rilanciare la nostra regione per rimanere incancellabile nelle menti, di chi per la prima volta viene nella nostra città, una terra che merita di essere rivista».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.