Avvenire di Calabria

A Civita (CS), celebrata una messa per ricordare chi ha perso la vita nella tragedia di tre anni fa

In preghiera per le vittime del Raganello

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In preghiera per le vittime del Raganello. Sono state ricordate dalla comunità di Civita, con una cerimonia religiosa a tre anni dalla tragedia delle Gole del Raganello, le 10 vittime, nove escursionisti e una guida, travolte e uccise da un'improvvisa onda di piena del torrente.

Civita, in preghiera per le vittime del Raganello

Gli abitanti del centro arbereshe, l'amministrazione comunale e la Parrocchia Santa Maria Assunta si sono riunite in preghiera davanti all'Altare della Misericordia Divina della chiesa di Santa Maria Assunta. A celebrare la funzione, il parroco padre Remo, insieme ai concelebranti don Maurizio Bloise, della diocesi di Cassano allo Jonio, e da padre Gabriel, parroco della parrocchia "Santa Maria Assunta" di Frascineto.

«Ci siamo riuniti - ha detto padre Remo - per esprimere, ancora una volta, vicinanza e solidarietà alle vittime e a tutte le loro famiglie, ma soprattutto per pregare. La preghiera - ha aggiunto il sacerdote - possa dare quel senso di sollievo alle anime afflitte, specialmente dei familiari. Ma anche un po' di sollievo alla comunità di Civita che comunque cerca faticosamente di riprendere il suo corso normale della vita».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Sono trascorsi già tre anni da quel terribile giorno. In tutto questo periodo di tempo, però, - ancora padre Remo - non c'è stato mai un momento in cui la comunità civitese non abbia almeno pensato o pregato per chi non c'è più. Le dieci vittime della tragedia avvenuta nelle Gole del Raganello, secondo me, fanno parte oramai di questa nostra famiglia più grande, che è la comunità di Civita».

Vittime del Raganello, «tragedia dimenticata»

«Anche quest'anno, come amministrazione, - ha affermato il vice sindaco di Civita, Vincenzo Mastrota, assente il sindaco, Alessandro Tocci per seri problemi familiari - abbiamo voluto ricordare le persone che quel nefasto lunedì pomeriggio hanno perso la vita nelle gole del Raganello, dando un abbraccio, anche se virtuale, a tutti i loro familiari. Giorni difficili. È stata una tragedia che ci ha colpito, che ci ha scosso tutti nel nostro intimo. Una tragedia che è difficile dimenticare. Ci duole, però, constatare - ha concluso Mastrota - che la tragedia del Raganello e tutto ciò che ne è conseguito sia stato dimenticato dalle Istituzioni preposte».

Articoli Correlati

Suor Faustina e Giovanni Paolo II uniti nella Divina Misericordia

È il 22 febbraio 1931 a Płock: Gesù fece a Santa Faustina tre richieste: di essere dipinto così come apparso, che il momento della sua morte fosse ricordato come “Ora della Misericordia” e che la prima domenica dopo Pasqua tutta la Chiesa celebri la festa della Divina Misericordia

L’eparca di Lungro ricorda le vittime del Raganello

«La natura umana può aprire dei grandi vuoti, ma solo Dio può colmarli con l’abisso della sua misericordia». Così monsignor Donato Oliverio nella sua lettera di augurio ai sacerdoti, alle religiose e ai fedeli laici per questo Natale

Vittime del Raganello, Civita ricorda la tragedia

«Un ricordo orante» per le vittime della tragedia. Ieri sera la fiaccolata a un mese dalla strage. La preghiera dei vescovi calabresi, che hanno ricordato anche la situazione difficile della sanità in regione.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.