Avvenire di Calabria

I progetti avviati rientrano tra le misure di politica attiva del lavoro a sostegno delle persone in condizioni di fragilità

Inclusione sociale, l’Atam rinnova 12 tirocini formativi

Per altri dodici mesi i tirocinanti forniranno le loro prestazioni per conto dell'azienda di trasporto pubblico reggina

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Inclusione sociale, l'Atam rinnova 12 tirocini formativi. 12 i tirocinanti per i quali ATAM ha rinnovato la manifestazione di interesse. L'azienda di trasporto pubblico locale della città metropolitana di Reggio Calabria ha, infatti, rinnovato l'importante strumento (i tirocini di inclusione sociale) per favorire il reinserimento nel mondo del lavoro degli ex percettori di mobilità in deroga.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


I tirocini di orientamento, formazione e inserimento e reinserimento anche in ATAM sono finalizzati all’inclusione sociale. Rientrano, infatti, tra le misure di politica attiva del lavoro a sostegno delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità.

Il tirocinio - fa sapere l'azienda - sarà attuato sulla base di un progetto che definisce gli obiettivi da conseguire. Ma anche le modalità di attuazione, attraverso un concordato fra Regione Calabria, ATAM e lo stesso tirocinante. Ha la durata di 12 mesi.


PER APPROFONDIRE: Giuseppe Basile è il nuovo amministratore delegato Atam


Per tutto il periodo in cui saranno impiegati, i tirocinanti, destinati ad aree e mansioni diverse, forniranno un prezioso contributo all’azienda. Saranno parte integrante del patrimonio umano dì cui gode la società in house di Comune e Città metropolitana. È solo una delle misure di inclusione attuate dall'Atam e per il bene della comunità, rende noto ancora la stessa azienda.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»