Avvenire di Calabria

La legge indiana li pone al di fuori della società

India, i vescovi dalla parte dei Dalit, gli ”intoccabili”

Si è celebrato il ''Black day'' in segno di protesta

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Venerdì, la Chiesa cattolica in India ha celebrato il “Black day”, la Giornata di protesta contro le discriminazioni nei confronti dei dalit, i così detti “fuori casta”, in particolare quelli cristiani. La data ricorda il 10 agosto del 1950, quando il presidente dell’India approvò l’art. 3 della Costituzione sulle caste. La legge riconosce ai membri delle caste vari diritti, ma il terzo paragrafo della norma specifica che non può essere membro di questi gruppi “chi professa una religione diversa dall’induismo”. Nel 1956 e nel 1990 sono stati introdotti emendamenti per estendere la categoria anche a buddisti e sikh, mentre ne sono tuttora esclusi i cristiani e i musulmani.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.