Avvenire di Calabria

I cittadini di Reggio Calabria pregheranno attraverso i gesti concreti del Progetto Policoro

“Insieme per la Pace”, iniziativa diocesana a San Giorgio al Corso

La riflessione finale sarà guidata dall'arcivescovo emerito, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

"Insieme per la Pace", prosegue con il terzo appuntamento l'iniziativa diocesana di preghiera per l'Ucraina: questa volta farà tappa a San Giorgio al Corso. I cittadini di Reggio Calabria pregheranno attraverso i "gesti concreti" del Progetto Policoro. La riflessione finale sarà guidata dall'arcivescovo emerito, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini.

"Insieme per la Pace", i dettagli dell'iniziativa diocesana a San Giorgio al Corso

L'appuntamento è fissato per sabato 2 aprile, dalle 19 alle 20.30. La tematica è ispirata dal versetto della Lettera di San Paolo ai Galati: «Poiché dunque ne abbiamo l'occasione operiamo il bene per tutti».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'iniziativa è promossa dal Progetto Policoro di concerto con la Pastorale per i problemi sociali e del lavoro, la Caritas diocesana, la Pastorale giovanile e la Consulta delle Aggregazioni laicali.

L'esposizione dei "gesti concreti"

Il momento di preghiera e sensibilizzazione proposto dalle realtà diocesane è stato strutturato in due "fasi". La prima, dalle 19 alle 20, prevede la condivisione con la cittadinanza dei "gesti concreti" del Progetto Policoro in piazza San Giorgio.

Come spiegano gli organizzatori si tratta di una «esperienza della Pace che passa dalla quotidianità di un impegno vivo per la propria terra». In particolare, saranno esposti dei cartelloni colorati che potranno essere anche arricchiti da eventuali spunti dei passanti con l'aggiunta di parole-chiave o frasi che parlino di Pace.

La composizione della bandiera della Pace

La fine della prima "fase" dell'appuntamento coinciderà con la composizione della bandiera della Pace - che sarà esposta ai piedi dell'altare della chiesa di San Giorgio al Corso - proprio attraverso l'unione dei cartelli rappresentanti i "gesti concreti". Un modo ideale per legare le esperienze sotto un'unica bandiera, quella della fratellanza.


PER APPROFONDIRE: “Passi di Pace”, Morrone agli scout: «Non giochiamo mai alla guerra»


Durante la seconda parte dell'appuntamento ci sarà il momento di riflessione su alcune parole di papa Francesco e diversi spunti forniti dalla Dottrina sociale della Chiesa.

La meditazione di monsignor Fiorini Morosini

Questo secondo momento di riflessione sarà guidato da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo emerito di Reggio Calabria - Bova, che per l'occasione offrirà una sua meditazione sul rapporto tra san Francesco da Paola - di cui proprio in quel giorno si festeggia la memoria liturgica - e la Pace.

L'iniziativa sarà animata dal coro della Pastorale giovanile che aiuterà i presenti a contestualizzare in musica il momento attuale. Successivamente è previsto anche un tempo di convivialità.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.