Avvenire di Calabria

L'arcivescovo di Reggio Calabria - Bova ha aperto l'anno dell'Istituto superiore di formazione politico-sociale “Monsignor Lanza"

Istituto Lanza. La prolusione del vescovo Morrone sulla giustizia sociale

«Giustizia è riconescere e accogliere l'altra persona in quanto creato a immagine di Dio», ha detto il presidente dei vescovi calabresi

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La prolusione del vescovo Morrone sulla giustizia sociale. La guida dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova ha aperto il nuovo anno dell'Istituto superiore di formazione politico-sociale “Monsignor Lanza”.

Giustizia sociale, la prolusione del vescovo Morrone

L'arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, monsignor Fortunato Morrone ha da poco concluso la prolusione d'apertura dell'Anno Sociale dell'Istituto "Lanza" dell'arcidiocesi reggina.

Il tema prescelto è quello della "giustizia sociale" su cui si è soffermato il presule crotonese offrendo da subito una chiave di lettura sul concetto stesso di giustizia.

Il concetto di giustizia

L'uomo, infatti, è «votato alla socialità» ha detto Morrone citando Aristotele. In questo senso la giustizia - tra la definizione dell'antichità greco latina e la tradizione cristiana - altro non è che «dare a ciascuno ciò che gli appartiene».

«La giustizia si configura pertanto come valore eminentemente sociale» ha spiegato Morrone. Il vescovo ha proseguito: «Si riconoscono i diritti di ogni persona, così come si vuole che siano riconosciuti e rispettati i propri. È la regola aurea che appartiene al deposito dell’esperienza e della sapienza dell’umanità e ripresa dal Vangelo».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Nella sua prolusione, monsignor Morrone - partendo da questi presupposti - ha rilevato tre tipi di giustizia. Quella commutativa, cioè il «rapporto di giustizia che si realizza tra un singolo e un singolo».

Poi la giustizia generale: «Ciascuno di noi, cioè, vivendo in società, deve contribuire alla realizzazione del bene comune con la sua attività - creatività».

E infine, quella sociale. «Rappresenta un vero e proprio sviluppo della giustizia generale, regolatrice dei rapporti sociali in base al criterio dell'osservanza della legge» ha chiosato il presule.


PER APPROFONDIRE: L’Istituto superiore di formazione politica “Lanza” prepara la ripartenza


Le conclusioni

Monsignor Morrone rivolgendosi a docenti e corsisti dell'Istituto "Lanza" ha poi declinato il tema della giustizia sociale su due aspetti specifici: l'assistenza sanitaria e l'equo sviluppo di tutti i popoli.

Due peculiarietà che riguardano molto da vicino la condizione meridionale e calabrese.

Avviandosi verso le conclusioni, l'arcivescovo Morrone ha posto un'ultima riflessione sulla «giustizia sociale nella verità della carità». Un viaggio - dalla Populorum Progressio al magistero di Benedetto XVI - in cui «il rischio di ridurre il concetto di giustizia a quello di legalità è perciò sempre latente».

Su questo aspetto, ha concluso Morrone, «la giustizia non è più un riconoscere semplicemente all’altro dei diritti, ma un riconoscere e accogliere l’altra persona in quanto creato a immagine di Dio, nella carità di Cristo».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.