Avvenire di Calabria

Siamo andati a trovare il sacerdote reggino che ha da poco iniziato il nuovo ministero presso la storica parrocchia della zona sud di Reggio Calabria

Itria, la missione di monsignor D’Anna: testimoniare la gioia

Il pastore: «Con me porto il bel bagaglio umano e spirituale accumulato nel corso della precedente esperienza pastorale»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con il nuovo anno, riprendiamo il nostro viaggio alla scoperta delle comunità parrocchiali della arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, dando spazio soprattutto a quelle che da poco hanno accolto un nuovo pastore. Questa volta facciamo tappa presso la parrocchia di Santa Maria Odigitria, nel quartiere reggino di Sbarre, conosciuta anche come la chiesa dell’Itria o, nel gergo popolare, delle “catene” per via delle grosse catene che cingono la piazzetta antistante il tempio. Da qualche mese a guidare la comunità c’è monsignor Giacomo D’Anna.

Don Giacomo D'Anna e la comunità dell'Itria, l'inizio di un nuovo cammino

Cosa significa per un sacerdote iniziare un nuovo ministero dopo aver servito per oltre vent’anni una comunità di cui è stato guida e padre? L’esperienza di monsignor Giacomo D’Anna, per tutti semplicemente don Giacomo, sicuramente aiuta a comprenderlo.

Il 3 settembre dello scorso anno, accolto dai fedeli, ha fatto il suo ingresso ufficiale nella parrocchia di Santa Maria Odigitria. A distanza di qualche mese, siamo andati a trovarlo per raccogliere la sua testimonianza di pastore alla guida di un nuovo gregge. «Sono particolarmente felice di aver iniziato questa nuova storia», dice con il solito tono gioioso, da sempre tratto distintivo del suo ministero pastorale.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


I 27 anni alla guida della comunità di San Paolo alla Rotonda, nel centro storico, sono stati davvero tanti, ma «quell’esperienza - aggiunge - mi è servita per crescere umanamente e, soprattutto, spiritualmente nel mio essere sacerdote». Sta proprio qui il segreto che, poi, così tanto segreto per un parroco non è. Infatti, continua, «proprio grazie al bagaglio che mi porto da quell’esperienza, oggi posso affrontare, con la stessa gioia e rinnovato impegno, il nuovo cammino. C’è sempre un elemento che mi accompagna: la scelta, fatta ormai tanti anni fa, di voler essere a servizio della gente, in mezzo alla gente». 

Nel bagaglio personale, un solo abito: «servire»

Un «servire» dinnanzi al quale non c’è l’una o l’altra. «Ogni comunità, seppur nella sua diversità, è espressione dello stesso modo di essere Chiesa». Tuttavia, per come già abituato all’iperdinamismo, monsignor D’Anna non ha esitato a mettersi accanto, fin da subito, alle tante e «vivaci» realtà che da anni animano la parrocchia dell’Odigitria.

Dai gruppi di spiritualità («fondamentali nella vita della parrocchia»), all’apostolato della preghiera, fino alle aggregazioni laicali rappresentate dall’Azione Cattolica, dagli Scout Agesci e dall’Oratorio ispirato a Don Bosco, all’importate presenza della Caritas. «In questi mesi stiamo imparando a conoscerci sempre di più», dice ancora don Giacomo che è anche neo cappellano dei vigili del fuoco, incarico storicamente ricoperto dai parroci dell’Itria, vista la prossimità con il comando provinciale.


PER APPROFONDIRE: Monsignor D’Anna presenta il suo ultimo libro presso la comunità dell’Itria


Monsignor D’Anna ama citare uno slogan a lui caro fin dai tempi dell’arcivescovo Mondello: «La comunione per la missione. Il mio impegno, come pastore - continua - è quello di tener unito questo gregge, camminare e, allo stesso tempo, crescere insieme e uniti, uscire a portare al mondo un annuncio di gioia». «Essere testimoni di gioia, essere testimoni di amore, non è semplicemente uno slogan pubblicitario, ma - conclude - deve essere l’impegno prioritario di ogni comunità. Noi, confidando nell’aiuto di Dio e nella collaborazione di tanti amici, stiamo cercando di fare la nostra parte».

Articoli Correlati

chiese estinte reggio calabria

Alla riscoperta delle chiese estinte di Reggio Calabria

Sapete cosa sono le chiese estinte? E sapete che ne esistono diverse anche a Reggio Calabria? Grazie al lavoro certosino dell’architetto Renato Laganà siamo andati alla riscoperta delle parrocchie che non esistono più, ma che hanno fatto la storia della diocesi reggina.