Avvenire di Calabria

Mons. Longoni (Cei): «Dare forma a un’agenda per la diffusione di buone pratiche

La Chiesa si prepara all’evento di Cagliari

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da Agenzia Sir

«Vogliamo dare forma a un’agenda per la diffusione di buone pratiche. Le Settimane sociali non nascono per lamentarsi, ma per proporre, per far conoscere eccellenze, per far sì che i cattolici si impegnino in economia e in politica stimolando il Paese con proposte concrete di promozione del bene comune».

Lo afferma mons. Fabiano Longoni, direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Cei, in un’intervista pubblicata su “Aggiornamenti sociali”, spiegando gli obiettivi della Settimana sociale in programma dal 26 al 29 ottobre a Cagliari sul tema del lavoro. «Scegliere il lavoro come tema della Settimana sociale è un modo per fare concretamente nostra la costante preoccupazione che Papa Francesco manifesta per il dramma della disoccupazione, che affligge due categorie: i giovani e coloro che, arrivati a una certa età, perdono il lavoro e sono condannati insieme alle loro famiglie alla povertà e spesso alla disperazione». Durante gli appuntamenti in programma, saranno presentate testimonianze ed esempi positivi di imprese e amministrazioni.

Il titolo della Settimana sociale è «Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale»: «È quello che ci propone la nostra Costituzione: un lavoro che permetta veramente a ognuno di contribuire allo sviluppo materiale e spirituale della società. Si badi bene: allo sviluppo, non solo alla crescita economica. Così questo titolo ci ricorda che esistono anche ‘cattivi lavori’, funzionali solo al profitto e non rispettosi della dignità delle persone».

Articoli Correlati

Settimana sociale diocesi Reggio Calabria - Bova

Settimana sociale, il racconto dei delegati reggini

Tra i 700 delegate e delegati provenienti da tutta Italia, insieme ad un centinaio di vescovi, sacerdoti e laici, e rappresentanti delle istituzioni e politica, anche la delegazione reggina con l’arcivescovo Morrone.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.