Avvenire di Calabria

La Coppa Davis è in mostra nella città dello Stretto

Reggio scelta come tappa de “Il Tour delle emozioni, un trofeo per tutta Italia"

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Falcomatà: «lo sport nella nostra città si intreccia in maniera indissolubile con la nostra storia»

Grande accoglienza di visitatori alla Pinacoteca civica per la Coppa Davis a Reggio Calabria. Due giorni e due tappe del viaggio in Calabria per consentire agli amanti del tennis di vedere da vicino e fotografare il magnifico trofeo conquistato dagli Azzurri. La città dello Stretto, insieme a Cosenza, è stata scelta come tappa de “Il Tour delle emozioni, un trofeo per tutta Italia". Programma del Trophy tour, voluto dalla Federazione Italiana Tennis e Padel. Il trofeo mancava dall’Italia dal 1976. Dopo la giornata di ieri in Pinacoteca, oggi lunedì 27 maggio sarà possibile vederla al Circolo del Tennis “Rocco Polimeni”.


Adesso siamo anche suWhatsAppnon perdere i nostri aggiornamenti: VAI AL CANALE


All'evento in Pinacoteca ha presenziato il sindaco Giuseppe Falcomatà, accompagnato dal consigliere Franco Barreca, con il Commissario della Fitp Calabria e consigliere federale, Joe Lappano, organizzatore delle tappe. E il Presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero, il Presidente onorario del Coni, Mimmo Praticò, il Presidente del Comitato Sport e Salute Calabria, Walter Malacrino. Insieme al Presidente del Circolo Polimeni Ezio Previtera, allo storico presidente dello stesso circolo e Igino Postorino, Marcello Fonga Delegato provinciale Fitp.

Le parole del sindaco Giuseppe Falcomatà

«Ci siamo preparati al meglio anche rispetto a questo evento sportivo e, non a caso, abbiamo individuato la Pinacoteca civica come luogo per ospitare la coppa» ha detto il sindaco. «Lo sport nella nostra città si intreccia in maniera indissolubile con la nostra storia, la nostra identità e la nostra cultura. Sport a questi livelli per quelli che sono i valori di solidarietà, inclusione, educazione al sacrificio hanno un significato di bellezza. Dunque, quale luogo migliore della Pinacoteca che ospita opere d'arte può ospitare la coppa Davis? Il mio augurio è che la città, da settimane visitata da tanti turisti, possa vedere tra le mete scelte anche la coppa Davis che non solo è bella da vedere, ma ci ricorda quanto il nostro Paese possa raggiungere traguardi importanti. Anche attraverso lo sport, come ha fatto nel novembre dello scorso anno».

I commenti dalla Pinacoteca

«Una giornata emozionante perché questa coppa ha 124 anni di storia e finalmente, a distanza di 46 anni, la nostra nazionale maschile è riuscita a riportarla in Italia» ha aggiunto Lappano. «Grazie a Jannik Sinner e a un gruppo eccezionalmente coeso e unito. Un risultato raggiunto grazie a una serie di giocatori di rilevanza mondiale che stanno dando lustro al tennis italiano e questo ci fa supporre che non resterà una vittoria isolata come è successo nel ‘96. A questo successo ne seguiranno tanti altri. A distanza di due mesi c'è già stata la clamorosa affermazione di Sinner agli Australian Open e siamo certi che l'Italia si ripeterà non solo al maschile, ma anche al femminile».

«Lo sport non è solo cultura fisica, crescita salutare per i ragazzi e una sorta di disciplina anche nella salute, ma è soprattutto quell'antibiotico che deve servire ai ragazzi per diventare cittadini del domani» ha commentato il presidente Condipodero. Per il presidente onorario Praticò: «Una tappa importante per la città e per lo sport che sovente viene considerato l'ultima ruota del carro, ma non è così. È invece una delle prime perché insegna le regole soprattutto ai più giovani».


PER APPROFONDIRE: Reggio Calabria, concluso “Missio Ragazzi”. Parola d’ordine: salvaguardare


«Grazie a te – ha aggiunto, rivolto a Lappano il presidente Melacrino – perché sei riuscito con un valore importante per lo sport, rappresentato da una coppa, a unire la nostra Regione e chiamare atleti e amici insieme, in un ambiente di alta cultura come la Pinacoteca: la coppa porta valori, la città di Reggio ospita la coppa in un ambiente culturale, perché lo sport è volano non solo del rispetto delle regole ma anche della cultura».

Articoli Correlati

Il ritorno a Reggio Calabria di Davide Possanzini,

L’ex attaccante amaranto, oggi allenatore a Mantova, in riva allo Stretto per ricevere il Premio “Stefano Viola”. L’accoglienza di Falcomatà: «Eroe di una Reggina che ci ricorda chi vogliamo tornare ad essere».