La rivista Terrasanta compie 100 anni – avveniredicalabria

avveniredicalabria

In 114 pagine a colori convergono “resoconti del passato e segni di speranza per il futuro di una regione del mondo tanto affascinante e complessa”

La rivista Terrasanta compie 100 anni

Daniele Rocchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La rivista Terrasanta festeggia 100 anni di vita e per l’occasione a gennaio esce con un numero speciale per raccontare la sua storia partita da Gerusalemme nel gennaio 1921 e arrivata ai nostri giorni. In 114 pagine a colori convergono “resoconti del passato e segni di speranza per il futuro di una regione del mondo tanto affascinante e complessa”. Tra le firme, Massimo Campanini, islamista di primo piano da poco scomparso, Ugo Tramballi, firma del Sole 24 Ore, che offrono originali letture del conflitto israelo- palestinese, Besema Hamarneh, archeologa dell’Università di Vienna, Michele Bacci, storico dell’arte impegnato nei restauri dei mosaici della Natività a Betlemme, e Andrea Tornielli, direttore editoriale del Dicastero vaticano per la comunicazione che ripercorrerà i viaggi papali in Terra Santa. Diverse iniziative accompagnano la ricorrenza: la digitalizzazione di tutti i numeri della rivista pubblicati dal 1921; un convegno su Milano e la Terra Santa; le annuali ‘Giornate di archeologia, arte e storia del Medio Oriente’, che nel 2020 hanno abbracciato le grandi aree di interesse del periodico. È stato inoltre avviato un progetto di catalogazione e restauro del patrimonio di film e documentari sulla Terra Santa, in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana di Milano. L’indice completo è disponibile su www.terrasanta.net.

Articoli Correlati

I Commissariati di Terra Santa compiono 600 anni

Domani le celebrazioni con una serie di eventi, lo riferisce la stessa Custodia sul suo sito ufficiale: “Nonostante il periodo di sconforto in cui ci troviamo, vogliamo celebrare questo istituto e dire grazie a Dio e alla Chiesa”

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.