Avvenire di Calabria

Trasferta insidiosa per gli uomini di coach Antonio Paternoster

La Viola contro l’Eurobasket ritrova l’ex Deloach

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reduce dalla sconfitta interna nel derby contro la Benacquista Latina, l'Eurobasket Roma - prossima avversaria della Viola Reggio Calabria - finora ha vinto solo tra le mura amiche contro Casale Monferrato e Trapani. Certamente, sul palazzetto capitolino gli uomini di coach Davide Bonora, storico play delle romane del basket, punta i tasselli per imbastire una salvezza serena seppur questo avvio di campionato conferma le tante perplessità sul roster, avanzate già da questa estate. Un gruppo che è un mix tra vecchie glorie, a tal proposito ritroveremo sul parquet Alex Righetti, ma anche il navigato Malaventura, assieme a giovani interessanti, su tutti i pivot Vangelov e Cicchetti. Di certo l'osservato speciale è l'ex di turno, miglior realizzatore sino ad oggi del campionato, Moe Deoloach, che Bonora spesso fa giocare da play, nonostante l'americano ex Viola sia una point-guard che fa dell'isolamento il suo marchio di fabbrica. Una squadra che, assieme a Deloach, Righetti e Vangelov, completa il quintetto con l'altro statunitense, Tony Easley e il naturalizzato Nicolas Stanic, in cabina di regia. Quello che appare debole è il turnover dei titolari con dei subentranti (al pari di quanto accaduto sinora alla Viola) che non hanno garantito punti e rendimento pari a quello dello starting five. A conferma di ciò i numeri dell'Eurobasket, con un attacco tutt'altro che irresistibile (73,6 punti di media) con una carenza strutturale nel tiro dall'arco (27%) e un dazio importante da pagare tra palle perse e quelle recuperate (11,6 e 6,4). Numeri che descrivono una squadra in difficoltà, certo, ma che in casa potrà fare la voce grossa, soprattutto se sarà permesso a Deloach di infiammarsi. Da comprendere, poi, come Paternoster decida di difendere contro il reparto lunghi di Roma che - numericamente - sembra più nutrito rispetto a quello dei neroarancio.

Articoli Correlati

Viola, il reggino Paolo Frascati è neroarancio

Per me è una sensazione unica e motivo d’orgoglio tornare a giocare a casa – confessa Paolo – ringrazio il Gm Barrile e il coach Bolignano per avermi dato questa possibilità e spero di non deluderli.

Yande Fall sarà ancora un giocatore neroarancio

«Son molto felice di restare ancora un altro anno alla Pallacanestro Viola. Reggio ormai è la mia seconda casa. Quest’ anno torneremo a giocare un campionato nazionale in Serie B e dovremo esser bravi a farci trovare pronti sin da subito»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.