Avvenire di Calabria

L'arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, monsignor Fortunato Morrone ha visitato l'Hospice "Via delle Stelle"

La visita di Morrone all’Hospice: «Basta attese»

Il Pastore della Chiesa reggina si è soffermato tra ammalati, parenti e personale sanitario senza stipendio da cinque mesi

di Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La visita di Morrone all'Hospice: «Basta attese». L'arcivescovo di Reggio Calabria si è recato ieri sera nella struttura che opera nell'ambito delle cure palliative. Monsignor Morrone si è soffermato con familiari e sanitari. Durante la messa, ha rilanciato il suo appello: «Un buon padre di famiglia è più attento ai figli più fragili; l'Hospice non sia sempre messo ai margini».

La visita di Morrone all'Hospice

Il cappellano della struttura, don Vincenzo Catania, si è prodigato a sistemare i giardini dell'Hospice che hanno ospitato la messa celebrata dal vescovo Morrone. Tra i fedeli, una nutrita delegazione dei dipendenti senza stipendio da cinque mesi.

Guarda il trailer dell'intervista a Rita Gatto, coordinatrice dei servizi sanitari

Il presidente della fondazione "Via delle Stelle", ente gestore dell'Hospice, si dice fiducioso. Entro questa settimana, ci spiega Vincenzo Trapani Lombardo, dovrebbe rientrare l'emergenza.

Guarda il trailer dell'intervista a Vincenzo Trapani Lombardo, presidente della Fondazione

Infine, l'arcivescovo Morrone ha rilanciato l'appello agli amministratori. L'Hospice deve avere una forza economica che lo renda autonomo. Senza elemosinare, di anno in anno, quanto gli è dovuto. È un atto di speranza

Guarda il trailer dell'intervista a monsignor Fortunato Morrone, arcivescovo di Reggio-Bova


IL REPORTAGE | L'impegno del vescovo per l'Hospice (Vai al video)

Articoli Correlati

Morrone scrive agli studenti

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell’apertura dell’anno scolastico. L’invito a ripartire dopo il Covid: «Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.