L’augurio di monsignor Marcianò al contingente militare italiano – avveniredicalabria

avveniredicalabria

L'arcivescovo Ordinario Militare ha inviato il consueto messaggio ai soldati impegnati nelle operazioni di Pace

L’augurio di monsignor Marcianò al contingente militare italiano

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Santo Marcianò * - Natale diventa spesso festa delle luci, dei regali, dei consumi, delle corse dei rumori… Ma il Natale è nuovamente qui e attende di essere trasformato in ciò che è: Santo! E tu puoi farlo.

Tu puoi trasformare il Natale delle luci nel Natale della Luce. Facendo spazio alla Luce vera che illumina ogni uomo e che rischiara le tenebre profonde, quelle che ci fanno paura, quelle che invadono la nostra anima quando non troviamo il senso della vita che viviamo, delle cose che facciamo, e non ci lasciamo invadere dalla sfida perenne dell’Amore. L’Amore è qui: è Figlio tra le braccia di Giuseppe e Maria, è Povero sotto gli occhi dei pastori, è Re umile e giusto dinanzi al quale si inchina la sapienza dei magi… Inchinati anche tu!

Se lo fai, puoi accogliere in te il Mistero del Dio che si fa Uomo e trasformare il Natale dei regali nel Natale del Dono. Puoi riscoprire che ciò che importa non è “fare” regali, magari oggetti preziosi per la bella figura, ma “essere” un dono per l’altro. Dono per la tua famiglia anzitutto: non la trascurare, mettila sempre al primo posto, non disprezzare le gioie semplici che vengono dall’amore coniugale, dalla vicinanza ai tuoi figli, dalla fedeltà e dalla perseveranza. Dono per i colleghi, con i quali condividi il cammino difficile e la responsabilità lavorativa, anche per coloro con i quali le relazioni sono più complesse o conflittuali. Dono per i poveri, per i tanti che hanno bisogno di te; basta alzare lo sguardo dai nostri egoismi e dalle nostre chiusure e, in ogni momento, ne troviamo qualcuno.

Così, trasformerai il Natale del consumismo nel Natale del consumarsi. Chi ama si consuma sempre, come si è consumato Gesù per noi: dalla mangiatoia di Betlemme fino al Calvario della Croce. E questo voi militari sapete farlo bene. Siete abituati a consumarvi nel servizio fino a consumare la vita, nella certezza che la vita di coloro che difendete è sacra e vale tutto, anche il nostro sacrificio. A nulla serve agitarsi nel consumare risorse ed energie per organizzare il Natale se non si arriva a cogliere e accogliere questa profonda verità.

Per questo, devi trasformare il Natale delle corse nel Natale della contemplazione. Fermati a guardare il Presepe! Comprendi che ogni nostro sacrificio, ogni nostro atto d’amore è possibile perché siamo stati preceduti da un Bambino che l’Amore ha portato nel mondo e ha insegnato al mondo. L’amore che vince la violenza e la guerra, che ristabilisce tra gli uomini il senso di responsabilità e di fraternità, la cura per il bene comune e per il mondo che ci è donato. Se ti fermi davvero, potrai ripartire da Lui e, con Lui, affrontare la missione che, da militare, sei chiamato a vivere con una riserva d’amore che può trasformare il mondo.  

Sì, l’Amore di Dio che nel Natale si fa Uomo trasforma il mondo e lo trasforma senza far rumore; e tu trasformi il Natale dei rumori che distraggono nel Natale del silenzio che lavora. Mi piace dare un nome speciale a questo silenzio, al silenzio nel quale e per il quale voi, cari militari, operate ogni giorno: nelle nostre città e strade, nelle nostre emergenze e calamità, nelle nostre operazioni ordinarie e straordinarie, nelle delicate missioni internazionali e nella delicata accoglienza di chi fugge dalle proprie nazioni. Questo silenzio che il Natale porta e che tu servi si chiama «pace». Sì. Nel silenzio di ogni missione che ti è affidata, tu servi la pace tra gli uomini, così come, nel silenzio di Betlemme, Gesù, il Principe della Pace, si è fatto Bambino per servire gli uomini. Non ti dimenticare di Lui. Trasforma il tuo Natale nel Suo Natale. E sarà un Natale Santo.

* Arcivescovo Ordinario Militare

Articoli Correlati

Pace, Lotti: «La cura è un modo di essere e di agire»

“La cura è soprattutto relazione e ci invita a contrastare la cultura dell’indifferenza, dello scarto e dello scontro (i grandi mali dei nostri giorni)”. Un appuntamento da non perdere: il 10 ottobre 2021, la PerugiAssisi

Santo Marcianò, «il Mistero del Natale è intreccio di cura»

“In questa parola, cura, convergono gesti concreti di accoglienza, condivisione, solidarietà; di conversione, guarigione e speranza; di dedizione e amore, fino al dono della vita, molti dei quali hanno illuminato e illuminano il buio della pandemia”

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.