Le aziende calabresi riprendono le attività tra tante incertezze – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Confcommercio Calabria fa il punto della situazione dopo il lockdown, spaventa la burocrazia

Le aziende calabresi riprendono le attività tra tante incertezze

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono passati dieci giorni dall’ormai nota data del 18 maggio che ha segnato la ripartenza di molte attività economiche dopo l’austera fase di lockdown. Uno spiraglio di luce, in fondo al tunnel della ristrettezza economica legata alla diffusione del Covid-19.

Le imprese sono ripartite con le loro attività districandosi tra mille linee guida e direttive da seguire al fine di garantire la sicurezza dei dipendenti e dei propri clienti. Ma se la fase di emergenza sembra attenuarsi, tanti sono i dubbi e le incertezze sul futuro che ancora permangono. Per questi motivi si leva forte da Confcommercio Calabria la voce a sostegno delle imprese.

«Le nostre imprese con responsabilità e coraggio sono ripartite – ha dichiarato il Presidente Klaus Algieri - ma è giunto il momento di scelte decise e coraggiose. Noi abbiamo fatto la nostra parte adeguandoci, con non pochi costi, a tutte le misure che ci sono state date. Adesso tocca alla politica fare di più. I passi da seguire secondo noi sono molto semplici: meno burocrazia, meno tasse, più liquidità, più serietà e azioni di lungo periodo. Infatti, solo attraverso la realizzazione di progetti chiari e lungimiranti, che abbiano obiettivi concreti e condivisi, si riuscirà a dare al tessuto economico quella iniezione di fiducia che è venuta meno in questo periodo».

«Bene i primi passi mossi dalla nostra Regione, sotto la guida della Presidente Jole Santelli, con i bandi “Riapri Calabria” e “Lavora Calabra”. Ma non bastano. Occorre programmare il futuro anche e soprattutto con il supporto dei corpi intermedi, che ben conoscono il sentiment delle imprese. Ci sono tante risorse a disposizione e non possiamo permetterci di sprecarle con misure appesantite da inutili cavilli burocratici. Serve celerità e snellimento delle procedure. L’esperienza dell’emergenza ci ha insegnato che non abbiamo tempo da perdere» - ha concluso Algieri.

Articoli Correlati

Incontro a Palazzo San Giorgio su suolo pubblico e sicurezza

Bisogna individuare presto una soluzione – ha spiegato il sindaco – e come sempre a prevalere deve essere il buon senso. Il nostro intento è quello di sostenere le imprese, aprendo gratuitamente gli spazi necessari a far ripartire le attività

Confcommercio, calo dei consumi nel mese di giugno

«Le perdite di fatturato e reddito sono ingenti, soprattutto per la filiera turistica, i trasporti e l’intrattenimento. È necessario incentivare la ripresa dei consumi attraverso una politica fiscale più coraggiosa» ha dichiarato il presidente di Confcommercio

Assicomfidi sul rischio di impoverimento del territorio

Ciascun ente – dice l’associazione di Confcommercio – continua ad operare in totale autonomia senza generare risorse risolutive alle problematiche del territorio ed investendo fondi per interventi una tantum o di ridotte dimensioni

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.