Avvenire di Calabria

Oltre 650 gli esemplari soccorsi in questi anni di attività lungo tutta l'area dello Stretto di Messina

L’eccellenza del Centro recupero tartarughe marine

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È entrata nel vivo in queste settimane l’attività del Centro Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone. Nato nel 2006 è «un vero ospedale, con ambulatorio, sala chirurgica, sala raggi ed un’area dedicata con vasche di stabulazione». Il Crtm, eccellenza e punto di riferimento della jonica reggina, è «strutturato anche per accogliere visitatori, turisti e scolaresche per fare sensibilizzazione sulle problematiche che affliggono le tartarughe marine, come la pesca e l’inquinamento.

È gestito dall’Associazione Onlus Blue Conservancy» e i responsabili sono Filippo Armonio e Tania Il Grande. «Il Centro lavora per il soccorso la cura, la riabilitazione e il rilascio di tartarughe marine tutto l’anno. Durante l’estate però le spiagge sono più frequentate, per cui è più facile che venga avvistata una tartaruga marina in difficoltà spiaggiata o alla deriva. Inoltre la pesca al pesce spada e al tonno viene praticata maggiormente nei mesi da giugno a settembre, quindi le probabilità di catturare una tartaruga marina sono più elevate». Trattandosi di animali protetti a livello internazionale il Crtm lavora a stretto contatto con la Guardia Costiera.

«Le problematiche più comuni per le tartarughe marine sono la pesca e l’inquinamento. Nel Mediterraneo vengono catturati ogni anno circa 200.000 esemplari, 50.000 muoiono. Le tipologie di pesca che impattano di più sono la pesca al pesce spada e al tonno, quindi con il palangaro, e la pesca a strascico. Poi però, si aggiunge anche la problematica dell’inquinamento, in particolar modo da plastica». Ogni anno il Crtm recupera circa 50tartarughe, salvando e rilasciandone in mare l’80% (650 finora).

Blue Conservancy Onlus è una piccola associazione che si autofinanzia facendo attività di fundrasing e che non gode di alcun tipo di finanziamento pubblico. Quest’anno a causa del Covid è mancato il sostegno delle scolaresche impegnate nell’educazione ambientale. Come difficile sarà l’accoglienza di turisti (una media di 5mila) e volontari provenienti da tutta italia. Ma le Caretta caretta hanno ancora bisogno di aiuto.

Articoli Correlati

La tartaruga Queen torna in mare aperto

Era rimasta vittima di un amo da pesca, ingoiato assieme all’esca (un calamaro) in un tipico «palangrese», sistema di lenze e ami usato per catturare tonni e pesci spada ma di cui restano vittime accidentali anche tante altre specie

Penny, 17 grammi e uno stomaco pieno di plastica

La storia di Penny ha avuto, per fortuna, un lieto fine: in pochi giorni, dopo averle fatto espellere tutti i frammenti di plastica ingeriti e averla rimessa in forze, è stata rilasciata in mare dagli operatori del Centro di Brancaleone