Avvenire di Calabria

Il presidente emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto nel merito dei lavori dell'apertura dell'anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro

L’invito di Mirabelli: «Aumentare la consapevolezza sociale»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto nel merito dei lavori dell'apertura dell'anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Leggi quì la cronaca). Il suo intervento, fortemente apprezzato dal qualificato uditorio, si è sviluppando partendo dal titolo scelto dall'insigne giurista: «La tutela dei diritti umani al servizio dello sviluppo integrale della persona».

«La loro importanza, la loro inviolabilità, - ha detto Mirabelli rivolgendosi ai diritti - è l'espressione della dignità dell'uomo, fondamento dei diversi ordinamenti che operano per la loro protezione». Il presidente emerito della Consulta ha proseguito: «La dignità di tutte le persone, di tutti gli appartenenti alla "famiglia umana", come riferiscono le Dichiarazioni internazionali a partire dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948, è il presupposto necessario per la pace e la giustizia tra le nazioni».
 
«Molti aspetti della cronaca potrebbero indurre a un atteggiamento di delusione, ma la speranza c'è così come l'impegno, non solo delle Istituzioni e di chi in esse ha delle responsabilità, ma - suggerisce Mirabelli - direi di tutti. L'opinione pubblica crea la consapevolezza sociale e stimola l'atteggiamento di fratellanza: solo così si potrà determinare un mutamento di scena anche in ambito internazionale. Ciascuno nel suo raggio d'azione deve ispirarsi a questi principi».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.