Maria Antonietta Rositani è a casa, ecco come sostenerla – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Banca Etica ha lanciato una gara di solidarietà per aiutare la donna vittima di violenza che dopo oltre un anno ha riabbracciato i suoi figli

Maria Antonietta Rositani è a casa, ecco come sostenerla

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maria Antonietta è stata dimessa dall’Ospedale di Reggio Calabria, una notizia bellissima arrivvata proprio nella giornata mondiale sulla violenza alle donne. Grazie alla grande professionalità degli operatori sanitari del Gom guidati dal dottore Costarella ha ricevuto le cure che le hanno permesso di iniziare il percorso di recupero ma nei  prossimi anni dovrà però ancora affrontare altri trattamenti e  interventi di chirurgia plastica  recandosi in istituti specializzati del centro nord che richiederanno importanti spese Con la sua forza d’animo, con la sua grande fede Maria Antonietta ha dato  alla città ed al Paese una grande testimonianza di voglia di riscatto e di ricerca di una vita nuova da donna libera assieme al suo grande papà Carlo e ai suoi due figli. In questo periodo ha sentito l’abbraccio della comunità reggina e non solo che le è stata vicina, questo abbraccio serve che continui ancora. Con l'auspicio che lo stato, che non ha saputo proteggerla,  possa dare al più presto  risposte garantendo gli indennizzi ed i sostegni previsti per le vittime di violenza, il comitato che la sta affiancando, nel mentre si farà promotore di una legge regionale che garantisca una tutela anche economica alle donne vittime di violenza, assieme a Banca Etica, ringraziando i tantissimi che hanno dato il loro contributo, ha deciso di continuare per un altro mese la campagna  di raccolta fondi avviata nei mesi scorsi ,  chiedendo a tutte le persone e le organizzazioni che hanno dimostrato sensibilità verso la storia di Maria Antonietta di dare il loro contributo versando al ccb dedicato di Banca Etica intestato a Maria Antonietta Rositani  iban IT46L0501803400000016955759, causale un aiuto subito.

Articoli Correlati

Donne vittime di violenza e il coraggio di cambiare vita

«Una casa che cura», la ”Reghellin” resta un episodio isolato di protezione sociale presente sul territorio. Ce lo racconta una delle fondatrici, Nella Restuccia. Parlando delle tante donne, Nella dice:
«La Casa ha visto le loro lacrime e curato le loro ferite».

A Bagaladi si celebra il coraggio delle donne migranti

In occasione dell’8 marzo appena trascorso, presso il Centro “Suor Teresilla”, la Cisme ha organizzato un incontro formativo per le beneficiarie al fine di promuovere l’integrazione e favorire il dialogo tra culture.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.