Avvenire di Calabria

Stressessanta è la nuova applicazione realizzata dagli studenti dell’Università Cattolica di Milano

Maturità, arriva un’app per combattere l’ansia pre-esame

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In questi giorni, sono in pieno svolgimento gli esami di maturità. Delle prove del tutto rivoluzionate dalla pandemia: niente più esami scritti, ma solo un colloquio orale. Sono mesi che gli studenti non affrontano un’interrogazione in presenza dei docenti e dei compagni di classe. Adesso, stanno affrontando uno dei momenti più temuti dell’esperienza scolastica di un giovane, reso ancora più problematico dalla precedente assenza dalle aule e dalle nuove regole. L’ansia pre-esame risolta perciò aumentata tra i ragazzi: per questo, viene in soccorso una ricerca promossa dall’associazione nazionale dipendenze tecnologiche, secondo cui si è constatato che su un campione di 10.500 ragazzi dell’ultimo anno, un maturando su due non controlla l’ansia, un dato che sale al 60% se si tratta di una studentessa. L’app Stressessanta, realizzata dagli universitari del corso di laurea in “Psicologia per il benessere” dell’Università Cattolica di Milano, si propone di contenere lo stress dei maturandi dedicando pochi minuti al giorno a esercizi specifici grazie alla realtà virtuale.
Tramite l’innovativo strumento, lo studente impara delle tecniche di rilassamento “percorrendo” un percorso che dura una settimana. Il controllo del respiro, l’empowerment emozionale e infine il rilassamento guidato da praticare prima e durante la prova sono alcune esperienze che si potranno fare tramite uno smartphone, un casco per la realtà virtuale, e l’app Stressessanta.

Articoli Correlati

Maturità 2020, uno su due si diploma con voto superiore all’80

Secondo i dati raccolti dal ministero dell’Istruzione relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di secondo grado sul 94% degli studenti ammessi a svolgere la Maturità ne 2020, i diplomati risultano essere il 99,5%. Il Classico primeggia nei voti

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.