Michele Porcelli, il cordoglio di Avvenire di Calabria – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il regista di LaC Tv morto in circostanze tragiche durante le riprese di uno speciale televisivo

Michele Porcelli, il cordoglio di Avvenire di Calabria

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La redazione di Avvenire di Calabria esprime il proprio cordoglio per la prematura scomparsa di Michele Porcelli, stimato e valido operatore di ripresa e registra dell’emittente televisiva calabrese LaC Tv.

Porcelli, 55 anni, è stato vittima di una tragedia consumatasi nel corso di una giornata di lavoro a Buonvicino, in provincia di Cosenza. Assieme ai colleghi Pietro Comito e Carmen Bellissimo, era impegnato nelle riprese di uno speciale per ricordare un drammatico fatto di cronaca che ha visto, nel 1996, quale teatro proprio il noto centro del litorale tirrenico cosentino.  

L’operatore, residente a Limbadi nel vibonese, è precipitato in un dirupo nel tentativo di recuperare il drone utilizzato per le riprese caduto, pochi istanti prima, nello stesso punto in cui ha perso l’equilibrio ed è scivolato.

Immediati, ma inutili, sono stati i tentativi di soccorso a rendere difficili i quali le asperità del terreno che non hanno permesso agli operatori del 118 di raggiungere agevolmente Michele, nel frattempo a non dare segni di vita. Sul posto sono arrivati anche l’elisoccorso e i vigili del fuoco che hanno raggiunto Porcelli, constandone purtroppo il decesso.

Un grave lutto che ha sconvolto l’intero mondo del giornalismo calabrese. «Michele ha trascorso tutta la vita dietro al mezzo e idealmente tutte le immagini che corredano le nostre notizie sono state girate da lui». Spesso definito "tecnico", Michele Porcelli «era soprattutto un giornalista che capiva le notizie e le braccava con le sue immagini». Il ricordo di LaC affidato ad un post.

Articoli Correlati

Libertà di stampa, crescono violenze e attacchi

Il 2020 ha segnato un record negativo quanto a violazioni nell’Ue: 245 segnalazioni in 22 Paesi membri dell’Ue, relative a minacce, insulti, ostacoli di varia natura a danno di 873 persone o entità legate ai media

Stampa italiana all’estero: un’ancora col Belpaese

La globalizzazione e i mutamenti del mercato hanno reso necessario saper diffondere i valori italiani tramite i media. La riflessione di Paola Fuso, presidente dell’Associazione Corriere degli Italiani per l’Italianità

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.