Migrantes, il 3 dicembre presentazione online del nuovo rapporto – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Si è giunti alla quarta edizione dell’unico report in Italia dedicato specificamente al mondo dei richiedenti asilo, dei rifugiati e delle migrazioni forzate

Migrantes, il 3 dicembre presentazione online del nuovo rapporto

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Negli ultimi cinque anni sono entrate irregolarmente nel territorio dell’Unione Europea circa 2 milioni di persone, gran parte delle quali in fuga da Paesi coinvolti in conflitti interni o internazionali. Il numero di quanti non sono riusciti a completare il viaggio, ma anche la sofferenza di chi ce l’ha fatta, sono enormi.

Nello stesso periodo gli arrivi attraverso una forma di “ammissione umanitaria” sono stati circa 100.000, appena il 5%. Pochi ma comunque significativi, perché rappresentano la speranza di un’alternativa: ciascuno di essi è un atto di eccezione alla regola e riafferma la dignità dell’essere umano. Una vicenda per tutte, quella di una madre e una bambina somale, viene ripercorsa in uno dei contributi del nuovo report 2020 sul diritto d’asilo della Fondazione Migrantes, che sarà presentato in online il prossimo 3 dicembre.

Nimco, la madre, è fuggita dalla follia misogina di Al-Shabaab. Donna, nubile e membro di un clan minoritario, era un bersaglio ideale per gli integralisti: l’hanno minacciata, ordinandole di trasferirsi a vivere con il padre di sua figlia Ayaan, le hanno ucciso il fratello e sequestrato il padre. Ma lei si è ribellata, a costo di lasciare la bambina ai familiari. Ha accettato umiliazioni in Etiopia, le violenze dei trafficanti in Sudan, i pericoli del mare e una traversata “irregolare” dall’Egitto, fino a quando in Italia le è stato riconosciuto lo status di rifugiata. Qui ha potuto ricongiungersi con la piccola Ayaan, portata dalla zia e dalla nonna in Etiopia (dove hanno vissuto in condizioni estreme), grazie all’iniziativa di un progetto SIPROIMI piemontese e all’impegno in prima persona di alcuni volontari italiani ed etiopi: quasi quattro mesi dopo un primo decreto del Tribunale di Roma, il 31 gennaio 2020 la tutrice della bimba ha finalmente ricevuto un visto d’ingresso per l’Italia. Dopo una settimana, finalmente «nell’ascensore che sta per restituirla alla madre dopo tre anni, Ayaan brilla. Freme come ogni bambina a cui è stata promessa una sorpresa. Un’enorme festa di compleanno, così grande da contenere tutte quelle che non ha avuto prima…».

Non ci sono solo storie, naturalmente, nel volume fresco di stampa Il diritto d’asilo. Report 2020. Costretti a fuggire… ancora respinti (Tau Editrice 2020, pp. 400, euro 20,00). Il rapporto è ormai giunto alla quarta edizione e oggi è l’unico in Italia dedicato specificamente al mondo dei richiedenti asilo, dei rifugiati e delle migrazioni forzate. Con una forte centratura sull’Europa e sul nostro Paese, offre alcuni saggi e contributi che affrontano questi argomenti da prospettive inedite e multidisciplinari, oltre ad aggiornamenti statistici mirati.

L’edizione 2020 è stata realizzata come negli anni scorsi da un’équipe di autori che, oltre ad esserne studiosi, accompagnano da anni, concretamente, richiedenti asilo e rifugiati nei loro percorsi. Il volume si articola in cinque parti: “Con lo sguardo rivolto all’Europa”, “Tra l’Europa e l’Italia”, “Guardando all’Italia”, “Approfondimento: la rotta balcanica” e, novità preziosa, un “Approfondimento teologico”. Le sezioni sono formate da 12 contributi: “Più persone in fuga nel mondo, meno protezione in Europa”, “Sbarchi e porte chiuse”, “Exodus, in ascolto della Libia”, “Amore fuorilegge: madre e figlia che hanno vinto la rivoluzione”, “L’accoglienza alla prova dei decreti sicurezza: una ricerca nelle città e nei territori”, “Richiedenti asilo tra domanda di protezione e regolarizzazione”, “Accoglienza ai tempi del coronavirus”, “Partecipazione e responsabilità durante il Covid”, “Rotta balcanica, un sistema di violenza nel cuore dell’Europa”, “Lo snodo della Bosnia-Erzegovina”, “Il diritto alla protezione: naufragato al confine fra UE e Turchia?” e “Il principio di destinazione universale dei beni per un approccio integrale alle migrazioni”.

Le prime quattro parti del rapporto sono accompagnate da altrettante selezioni di dati statistici sulle migrazioni forzate e il diritto d’asilo nel mondo, nell’UE, in Italia e lungo la rotta balcanica: dai “grandi dati” su arrivi e “sbarchi” alle cifre su fenomeni meno “trasparenti” ma non meno significativi, dalle cifre “positive” sul (poco) che si riesce a fare in termini di asilo e accoglienza a quelle dei drammi vissuti ogni giorno da milioni di persone. A corredo della prima parte, un focus di tabelle, grafici, schede e cartine è dedicato agli sfollati interni, cioè alle persone a cui Papa Francesco ha voluto dedicare il Messaggio per la 106a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si è celebrata lo scorso 27 settembre. Infine, il rapporto è completato da alcune pagine di “Conclusioni” e dagli abstract in italiano e in inglese dei 12 contributi.

«Ancora una volta – afferma don Giovanni De Robertis, direttore generale della Fondazione Migrantes –, l’augurio è che Il diritto d’asilo. Report 2020 possa aiutarci tutti a costruire un sapere più fondato rispetto a chi è in fuga e arriva a chiedere protezione nel nostro continente e nel nostro Paese. E che possa aiutarci a restare “umani”, a essere concretamente vicini a chi è più in difficoltà, per non dover più dire, come siamo stati obbligati nel sottotitolo del volume, “Costretti a fuggire… ancora respinti”».

“Il Diritto d’asilo 2020 - Costretti a fuggire… ancora respinti”
Il programma della presentazione on line

Giovedì 3 dicembre 2020 - ore 11.00-12.00
sui canali informativi della CEI
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC7JuChYmxhljc49dE3JG6Zw
Presentazione del Rapporto


11.00-11.10 - introduzione di Mons. Stefano Russo, Segretario Generale CEI
11.10-11.40 - moderano e illustrano dati e principali contenuti del Rapporto le curatrici Mariacristina Molfetta e Chiara Marchetti
11.40-11.50 - intervento di Syed Hasnain, Presidente UNIRE (Unione Nazionale Italiana Rifugiati ed Esuli)
11.50-12.00 - intervento di Mons. Guerino Di Tora, Presidente Fondazione Migrantes

Giovedì 3 dicembre 2020 - ore 16.00-18.00
Webinar: https://zoom.us/j/91770171607
in diretta sul profilo Facebook dell’osservatorio Vie di Fuga: https://www.facebook.com/osservatorio.rifugiati
Approfondimenti

Sezione “Italia”
16.00-16.10 - introduzione di Chiara Marchetti, moderatrice
16.10-16.20 - Magda Bolzoni: “Dentro e fuori l'accoglienza dopo i decreti sicurezza”
16.20-16.30 - Elena Rozzi: “L’Italia e l’accoglienza alla prova del Covid-19”

Sezione “Rotta balcanica”
16-30-16.40 - introduzione di Cristina Molfetta, moderatrice
16.40-16.50 - Gianfranco Schiavone: “La Rotta balcanica e la violenza nel cuore d’Europa”
16.50-17.00 - Le foto della Rotta balcanica nel volume di Michele Lapini e Valerio Muscella

Sezione “Etica”
17.00 -17.10 - introduzione di Don Giovanni De Robertis, Direttore Generale Fondazione Migrantes
17.10-17.20 - Maurizio Veglio: “Il visto di ingresso per motivi umanitari e le ragioni di Stato”
17.20-17.30 – mons. Giuseppe Laterza: “Lo sviluppo umano integrale e la condivisione dei beni”

Spazio domande e conclusioni
17:30-18.00





Articoli Correlati

Lipa, «il dramma del campo interroghi le coscienze»

Quasi mille migranti rimasti al gelo senza un riparo: “Trovare immediate soluzioni e non rischiare che l’Occidente resti solo uno spettatore”, è l’appello di Rosy Perrone, segretaria generale Cisl Reggio Calabria

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.