Avvenire di Calabria

Per giorni era rimasta ferma in mare dinnanzi la costa orientale della Sicilia bloccata a causa del divieto di sbarco

Migranti, arrivata a Reggio Calabria la nave “Rise Above”

A bordo 89 persone di cui una quarantina sono i minorenni. 19 le donne

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Finisce a Reggio Calabria l'odissea degli 89 migranti di varie nazionalità della nave "Rise Above", rimasta per giorni davanti alla costa orientale della Sicilia.

L'imbarcazione della ong "Mission Lifeline" ha fatto il suo ingresso al porto di Reggio Calabria questa mattina attorno alle 7. Per giorni la "Rise Above" è rimasta davanti alla costa orientale della Sicilia, bloccata a causa del divieto di sbarco.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'arrivo della nave al porto di Reggio Calabria era previsto per la notte, ma è stato posticipato a questa mattina. A bordo, tra gli 89 passeggeri a comporre il gruppo dei migranti salvati in mare aperto, anche 34 minori, 8 dei quali di età inferiore ai 7 anni. 55 in tutto, invece, gli adulti, tra cui 19 donne.

La "Rise Above" ha attraccato al molo di ponente al porto di Reggio Calabria, scortata da 2 motovedette della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto.

Secondo quanto si è appreso i migranti sbarcheranno tutti, a differenza della "Geo Barents e Humanity one" a Catania, perché quello della "Rise Above" è considerato come un evento Sar. I migranti provengono da Costa d'Avorio, Guinea Tunisia, Egitto, Camerun, Burkina Faso e Liberia.


PER APPROFONDIRE: Il calvario dei migranti, Lass: «Vi racconto la prigione in Libia»


Ultimato lo sbarco, i migranti verranno portati nella palestra della scuola "Boccioni" di Gallico nella zona nord di Reggio Calabria. La struttura è stata adibita ad accogliere i migranti in attesa che gli stessi vengano trasferiti secondo il riparto stabilito dal ministero dell'interno.

Al porto di Reggio Calabria le operazioni sono coordinate dalla Prefettura. Sul posto ci sono polizia, Guardia di finanza, capitaneria di porto, Protezione civile e l'associazione Medici del mondo.

foto: Ansa

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»