Avvenire di Calabria

Al via i preparativi per l'appuntamento rivolto alle famiglie della diocesi vibonese organizzato dall'Ufficio Famiglie

Mileto, si svolgerà a Briatico il Campo Famiglie 2022

Il campo si svolgerà il 17 e 18 settembre: sarà occasione per riscoprire attraverso la parola il vero significato del sentirsi Famiglia

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È tutto pronto per il Campo Famiglie organizzato dall'Ufficio Famiglia della diocesi di Mileto - Nicotera - Tropea. Un'occasione per riscoprire, attraverso la Parola, il vero significato del sentirsi Famiglia.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Riscoprire la Bibbia nei suoi contenuto e nel suo utilizzo come «guida sicura del nostro cammino». È questa la finalità del Campo Famiglie della diocesi di Mileto - Nicotera - Tropea in programma a metà mese.

«Verso una Chiesa più familiare: la riscoperta della Parola» è il motto che accompagna l'appuntamento. Il campo famiglia della diocesi vibonese si svolgerà a Briatico, presso la struttura "Baia delle Sirene" con inizio previsto alle 8 del 17 settembre e si concluderà alle 19 del 18 settembre.


PER APPROFONDIRE: Morrone alle famiglie: «Grazie per la vostra insostituibile presenza»


Sarà occasione per condividere, insieme alle famiglie che vi prenderanno parte, esperienze di vita vissuta mettendo in evidenza la necessità di riscoprire la bellezza della Parola, come pane quotidiano che orienta e alimenta la vita di ogni famiglia. Al link le modalità di partecipazione.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»