Avvenire di Calabria

La corte d'appello di Reggio Calabria ha ribaltato la sentenza di primo grado emessa nel 2019 dai giudici del tribunale reggino

Miramare, Angela Marcianò assolta in appello con formula piena

L'ex assessore aveva optato per il rito abbreviato. Nell'ordinario Falcomatà e gli altri imputati sono stati condannati anche in secondo grado

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 La Corte d'Appello di Reggio Calabria, presieduta dal giudice Olga Tarzia, ha assolto con formula ampia il consigliere comunale Angela Marcianò nel processo "Miramare" in cui era imputata in qualità di ex assessore comunale. Ribaltata la sentenza di primo grado.

La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha assolto Angela Marcianò riconoscendo appieno la sua estraneità ai fatti nella vicenda giudiziaria legata al caso Miramare. Al termine del rito abbreviato è stata ribaltata la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Reggio Calabria che, nel luglio 2019, aveva condannato Marcianò a un anno di reclusione, con pena sospesa, per abuso d'ufficio e falso.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Scontato il periodo di sospensione, in applicazione della legge Severino, nei mesi scorsi Angela Marcianò è tornata in Consiglio comunale essendo stata eletta alle amministrative del 2020 quando si candidò a sindaco e perse le elezioni contro Giuseppe Falcomatà. Quest'ultimo, assieme agli altri componenti della precedente giunta, si è fatto giudicare con il rito ordinario e il mese scorso è stato condannato dalla Corte d'Appello a un anno di carcere (con pena sospesa) per abuso d'ufficio.

Dalla denuncia, al coinvolgimento nel processo Miramare

Il processo è nato da un'inchiesta sulle irregolarità nelle procedure di affidamento ad un'associazione, che sarebbero avvenute senza bando, del Grand Hotel Miramare. Con una delibera di giunta, l'immobile era stato concesso all'associazione "Il sottoscala", riconducibile all'imprenditore Paolo Zagarella. Al centro delle indagini, infatti c'erano i presunti rapporti tra Falcomatà e Zagarella che, in occasione delle elezioni comunali del 2014, aveva concesso gratuitamente al sindaco di Reggio Calabria alcuni locali di sua proprietà per ospitare la segreteria politica.   


PER APPROFONDIRE: Processo Miramare, condanna bis per Falcomatà: cosa succede ora?


Le irregolarità erano state segnalate anche da Marcianò, che all'epoca era assessore comunale. Era stata lei, infatti, a consegnare ai pm anche una serie di conversazioni, in chat, che hanno riscontrato la sua denuncia. Questo non le ha impedito di finire comunque sotto processo al termine del quale il giudice Olga Tarzia della Corte d'Appello ha accolto la tesi degli avvocati Renato Milasi e Diego Foti assolvendo Angela Marciano dal reato di abuso d'ufficio, con la formula «per non aver commesso il fatto», e dal reato di falso, con la formula «perché il fatto non sussiste».

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»