Avvenire di Calabria

«Serve impegno deciso, continuo e paziente»

Monsignor Galantino interviene contro la corruzione

Il segretario della Cei ha relazionato a Roma durante la tavola rotonda: «Da mani pulite a Cantone. Il valore delle regole»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da Agenzia Sir

«Un argine all’epidemia di corruzione – perché di epidemia sempre più invasiva purtroppo si tratta – può essere frutto solo di un’azione concordata e coordinata». Lo ha detto mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, intervenendo a Roma il 13 luglio, presso la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, alla tavola rotonda «Da mani pulite a Cantone. Il valore delle regole». L’incontro è stato organizzato dalla Scuola di perfezionamento in anticorruzione e appalti nella Pubblica Amministrazione dell’Università degli studi di Salerno. Per il presule, «va bene l’azione repressiva, vanno bene regole sempre meno permissive che valgano però per tutti; regole che devono essere accompagnate dalla volontà chiara di invertire la rotta segnata dai tanti, troppi furbi che hanno occupato o che forse continuano a occupare posizioni chiave. Illudersi però che tutto questo basti, non serve a nessuno».

Secondo il segretario generale della Cei, «bisogna convincersi che l’impegno per la riduzione del tasso di corruzione è un processo! E come tutti i processi esige l’impegno deciso, continuo e paziente di tutti». Di qui l’invito: «Vi prego di non prenderla come una pia esortazione, la mia. Quando parlo di impegno deciso, capiamo tutti cosa voglio dire. Quando però parlo di impegno che deve essere anche ‘continuo e paziente’ affermo concretamente il contrario del vezzo inveterato di cambiare le regole (e le leggi) in corsa o al cambio di esecutivo. Cambi fatti non sempre per migliorarle. Sappiamo tutti che i cambi continui in ambito legislativo rappresentano il brodo di coltura del malaffare e quindi della corruzione».

Ricordando di aver sentito parlare «impegno continuo e paziente e di volontà decisa a proseguire su questa strada»durante la relazione annuale del presidente dell’Anac, mons. Galantino ha detto di aver «apprezzato tanto i toni realistici» di Raffaele Cantone e della sua équipe.

Articoli Correlati

Corruzione, l’Italia al 52esimo posto su 180 Paesi

Perde un posto in graduatoria. Il Cpi 2020 segna un rallentamento del trend positivo che aveva visto la Penisola guadagnare 11 punti dal 2012 al 2019, pur confermandola al 20esimo posto tra i 27 Paesi membri dell’Unione europea

Eurobarometro: corruzione diffusa nei Paesi europei

«Se la natura e la portata della corruzione variano da uno Stato membro all’altro, la corruzione nuoce all’intera Ue» si legge in una nota della Commissione. L’esecutivo europeo «sta intensificando la sua lotta» contro questa piaga

Voto di scambio? Libera: «Prassi consolidata»

Una corruzione ”solidamente” regolata, una corruzione sistematica e organizzata dove però a seconda dei contesti il ruolo di garante del rispetto delle «regole del gioco» è ricoperto da attori diversi. Quantificare il costo è molto difficile.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.