avveniredicalabria

«Calabria Terra mia lo presenteremo alla Festa del cinema per ricordare la volontà di Jole Santelli di rilanciare la Calabria», così il regista Gabriele Muccino

Muccino, «regista dell’amore», ricorda Jole Santelli

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Il cortometraggio "Calabria, Terra mia" lo presenteremo come previsto il 20 ottobre prossimo al Festival del cinema di Roma, ora anche per ricordare la passione di Jole Santelli e la sua volontà di rilanciare la Calabria anche attraverso questo lavoro».

Così il regista Gabriele Muccino che ha espresso il suo cordoglio dichiarandosi «sconvolto dalla notizia della morte del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli. Donna fiera e combattiva - ha detto - che amava moltissimo la sua terra e che aveva il pensiero fisso di cambiare la regione, anche attraverso la sua immagine in Italia e nel mondo».

«Perchè Muccino – come spiegava il presidente Santelli nella conferenza stampa di presentazione del cortometraggio - è il regista dell'amore. E se non farà innamorare lui il mondo della Calabria, non ci riesce nessuno».

Articoli Correlati

Disoccupazione in Calabria, «situazione mortificante»

“È necessaria una presa di coscienza collettiva – afferma Lucia Anita Nucera – per un reale cambiamento rispetto a una tendenza che vede spesso l’immagine, la superficialità, l’impreparazione come modus operandi della politica”.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.